“Fatal Verona”, il Milan perde lo scudetto nel 1973

La “Fatal Verona” per il mondo rossonero significa fondamentalmente 20 maggio 1973. Contro i già retrocessi scaligeri il Milan perde clamorosamente 5 a 3 e perde uno scudetto già vinto.

Il campionato 1972/73 vede il Milan pronto a dare ancora battaglia per vincere lo scudetto, sfuggito l’anno precedente anche a causa di decisioni arbitrali assai controverse. I rossoneri non smentiscono le attese e tengono testa alla Juventus, campione in carica. Rivera e compagni vincono il titolo invernale insieme ai bianconeri, tallonati dalla sorpresa Lazio. Proprio lo scontro diretto con i biancocelesti, a aprile, è fonte di polemiche: l’arbitro Lo Bello annulla il gol del pareggio di Chiarugi apparso ai più regolare. A una giornata dal termine, la classifica recita: Milan 44, Lazio e Juventus 43.

La finale di Salonicco

Tra la penultima e l’ultima giornata di campionato, i rossoneri hanno un impegno internazionale molto importante, ossia la finale di Coppa delle Coppe. A Salonicco, in Grecia, il Milan se la deve vedere con il Leeds. La sera dell’incontro piove e il campo si fa pesante: Chiarugi segna subito su punizione, poi le parate di Vecchi salvano il risultato e la coppa vola a Milano. Rocco è però preoccupato, in quanto i suoi escono dal campo stremati. E così chiede che Verona-Milan venga posticipata di un giorno, cosa prevista dal regolamento.

E fu “Fatal Verona”…

La Figc, tuttavia, rigetta le richieste rossonere. La società, in ogni caso, si mostra fiduciosa, anche perché il Verona è già retrocesso. Il campo dirà altro: gli uomini di Cadè segnano infatti tre gol nella prima mezzora! Rosato accorcia ma nelle ripresa i padroni di casa ne fanno altri due, prime delle reti di Sabadini e Bigon. Il ko per 5-3 lascia basito tutto il mondo del Milan ma c’è ancora la possibilità di spareggiare. Invece, a 3′ dalla fine Cuccureddu segna e la Juventus rimonta la Roma, vincendo lo scudetto. Ecco la “Fatal Verona“…

ultimo aggiornamento: 15-12-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X