La Ferrari smentsce l'indagine della FIA: operazioni di routine

La Ferrari smentisce l’indagine della FIA

Formula 1, la Ferrari smentisce l’indagine della FIA: le operazioni al termine della gara in Brasile sono semplice routine.

La Ferrari ha smentito l’apertura di un’indagine da parte della FIA, annunciata dalla stampa tedesca. La Rossa resta al centro di accese polemiche ma non sarebbe nel mirino della FIA che non avrebbe aperto nessuna indagine sul Cavallino rampante, nonostante le polemiche sollevate nei giorni scorsi da Max Verstappen e, in maniera meno diretta, dalla Mercedes.

GP Brasile, le operazioni dei commissari al termine della gara. La Ferrari, nessuna indagine in corso

L’equivoco è nato dal prelievo di carburante al termine della gara in Brasile da parte di alcuni commissari. Come specificato dalla stessa Ferrari, però, si tratta di un’operazione di routine e che non rappresenta l’inizio o la conferma dell’apertura di una inchiesta da parte della FIA. In effetti nel corso delle ore non sono arrivate conferme ufficiali sull’attività di investigazione.

Sebastian Vettel
Montmelo’ (Spagna) 28/02/2019 – test F1 / foto Federico Basile/Insidefoto/Image Sport nella foto: Sebastian Vettel

L’indagine annunciata dalla stampa tedesca

La notizia di un’indagine della Fia sulla Ferrari era stata rilanciata dalla stampa tedesca, nello specifico da Auto Motor und Sport. Il magazine aveva riportato la notizia che i commissari hanno preso in consegna alcune componenti dell’impianto di alimentazione della Ferrari, dell’Alfa Romeo e della Red Bull per effettuare una comparazione utile ad evidenziare eventuali irregolarità commesse dalla Rossa.

L’ipotesi era che la FIA avesse deciso di muoversi in seguito alle accuse di Verstappen, che aveva definito prevedibile il calo della Ferrari nel finale di stagione (“Succede quando smetti barare”). La Ferrari ha voluto fare chiarezza sulla questione smentendo l’indiscrezione circolata negli ultimi giorni.

ultimo aggiornamento: 22-11-2019

X