A breve entrerà in vigore la nuova normativa sul riscaldamento, predisposta da Roberto Cingolani, ministro della Transizione ecologica.

A causa del caro energia a cui stiamo assistendo a livello Europeo, i ministri della Transizione ecologica hanno emanato una nuova normativa per regolamentare l’utilizzo dei dispositivi caloriferi e di riscaldamento. Nella fattispecie, questo inverno i termosifoni – negli ambienti pubblici – rimarranno accesi un’ora in meno al giorno, e 15 giorni in meno nell’arco di tutta la stagione invernale.

condizionatore casa aria

Per far fronte al caro bollette, durante questo inverno vigerà una nuova normativa che pone una stretta sull’uso smodato dei riscaldamenti. A causa della perdita degli approvvigionamenti energetici da parte della Russia, durante l’inverno sarà possibile accendere i termosifoni soltanto un’ora in meno al giorno.

Sono inoltre previste multe e sanzioni per coloro che non rispettano la normativa. Ma allora, quando si potrà accendere il riscaldamento? Come annunciato precedentemente, il periodo di accensione del riscaldamento è ridotto di un’ora al giorno per la stagione invernale 2022-2023, ed il periodo di attività si è accorciato di 15 giorni.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La suddivisione in zone

Nella fattispecie, verrà posticipata di 8 giorni la data di inizio e anticipata di 7 quella di fine esercizio. Anche il valore della temperatura dovrà essere modificato: un grado centigrado in meno rispetto all’anno precedente. In ogni caso, ogni zona dell’Italia inserirà delle normative differenti in base al clima locale.

L’Italia verrà suddivisa in 5 zone:

  • A, Sud Italia e Isole: 5 ore al giorno, con i caloriferi accesi dal 8 dicembre al 7 marzo.
  • B, Agrigento, Reggio Calabria, Messina o Trapani: 7 ore al giorno, dal 8 dicembre al 23 marzo.
  • C, che comprende città come Napoli, Imperia e Cagliari: 9 ore al giorno, dal 22 novembre al 23 marzo.
  • D, Roma, Firenze, Foggia, Ancona e Oristano: 11 ore al giorno, dal 8 novembre al 7 aprile.
  • E, che comprende città come Milano, Torino, Bologna e L’Aquila: 13 ore al giorno, dal 22 ottobre al 7 aprile.
  • F, arco alpino: nessuna limitazione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 14-10-2022


Nato, nuova intesa tra 14 Paesi, Finlandia su scudo aereo

Suicidio assistito, accolta la richiesta di Stefano Gheller: “Sono felicissimo”