F1, la Red Bull produrrà un motore proprio a partire dal 2025. L’annuncio in seguito al ritiro della Honda dal mondo della Formula 1.

Formula 1, la Red Bull avrà un motore di proprietà a partire dal 2025. La Scuderia ha deciso di mettersi in proprio e di non appoggiarsi più ad un produttore di motori.

Formula 1, la Red Bull produrrà un motore proprio a partire dal 2025

La Red Bull ha quindi comunicato che a partire dal 2025 svilupperà un motore di proprietà. A tal fine ha ingaggiato un ingegnere della Mercedes.

“Come direttore tecnico, Ben Hodgkinson integrerà Red Bull Powertrains in un ruolo chiave che lo vedrà guidare tutti gli aspetti tecnici e concentrarsi sullo sviluppo del primo propulsore sviluppato da Red Bull, al fine di ottemperare alla nuova normativa attualmente prevista per il 202”, rende noto la Red Bull.

“Quando la Red Bull ha annunciato la creazione di Red Bull Powertrains (dopo l’acquisto del motore Honda, ndr), ha anche annunciato una nuova fase della sua ambizione in Formula 1: integrare internamente ogni aspetto del design delle monoposto e mettere il nostro destino nelle nostre mani. La massima espressione di questa volontà è lo sviluppo di un propulsore Red Bull come parte della prossima generazione di motori di Formula 1”, ha commentato Horner.

Max Verstappen
Max Verstappen

L’ultimo anno in coppia con la Honda

La decisione è stata assunta dopo che la Honda, che rifornisce la Red Bull, ha annunciato il suo ritiro dal mondo della Formula 1. Ritiro che avverrà al termine della stagione. Dopo l’inizio della stagione, Red Bull e la Honda sperano di separarsi nel migliore dei modi. La monoposto quest’anno può contare su un motore competitivo e il gap con la Mercedes si è notevolmente ridotto. E in casa Red Bull iniziano a sperare che Verstappen possa strappare lo scettro di campione del mondo dalle mani di Lewis Hamilton.


Formula 1, fino al 2024 si corre a Suzuka

Formula E, riscatto de Vries: l’olandese vince Gara-1 a Valencia