Per la prima volta nel conflitto la Russia abbandona spontaneamente il campo di battaglia: le truppe del Cremlino si ritirano da Kherson.

Ad oggi la guerra tra Russia e Ucraina perdura da ben nove mesi. Quella che doveva essere una guerra lampo, della durata di massimo un mese – secondo quanto previsto dallo zar Vladimir Putin – si è trasformata in una vera e propria guerra di logoramento che ha avuto ripercussioni a livello globale sugli altri Paesi.

guerra Russia Ucraina

Sembra però che sia arrivata un’importante svolta nel conflitto, che conferma ancora una volta la posizione delle truppe di Kiev. Nella giornata di ieri, 9 novembre 2022, il ministro della difesa russo Serghiei Shoigu ha ordinato il ritiro delle truppe da Kherson e il loro spostamento sulla sponda sinistra del fiume Dnepr.

Si tratta di una incredibile svolta: per la prima volta nel conflitto tra i due Paesi la Russia abbandona spontaneamente il campo di battaglia. Già da qualche mese la caparbietà delle truppe ucraine si era rivelata durante il conflitto, alimentata dal sentimento patriottico nei confronti del proprio Paese, invaso senza pietà dalle truppe di Mosca.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Zelensky mantiene alta la guardia

Nonostante la ritirata sia una notizia positiva per l’Ucraina, il leader di Kiev Volodimyr Zelensky predica comunque di mantenere alta la guardia. Se il piano di Mosca non avrà secondi fini, sarà un duro colpo per il Cremlino. Difatti Kherson era l’unico capoluogo regionale conquistato dall’inizio del conflitto.

Il comandante in capo delle truppe dell’Armata sul terreno, il generale Sergey Surovikin, chiamato a rapporto dal ministro Shoigu, avrebbe suggerito di spostare la linea di difesa lungo la sponda sinistra del Dnepr, dalla parte opposta rispetto alla città di Kherson.

Secondo quanto riferito dai comandanti del Cremlino, questa sarebbe una «decisione molto difficile», messa in atto per «salvare la vita dei militari e dei civili, continuamente minacciati dai missili ucraini». Inoltre, questa decisione strategia permetterebbe di condurre «offensive in altre direzioni».

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 10-11-2022


Pregliasco: “Mascherine al chiuso per Covid e influenza”

I russi si ritirano da Kherson: ma Kiev non esulta, è una trappola?