La stampante 3D più grande del mondo è italiana

Si chiama BigDelta, è italiana, è alta 12 metri ed è la stampante 3D più grande del mondo. Il suo compito è quello di stampare case a basso costo.

chiudi

Caricamento Player...

Il nome può trarre in inganno, ma WASP, World’s Advanced Saving Project, è un’azienda tutta iltaliana, che ha sede a Massa Lombarda, in provincia di Ravenna, specializzata nella progettazione e realizzazione di stampanti 3D.

Il progetto dei fondatori, tuttavia, va ben oltre la semplice stampa, professionale o hobbystica. BigDelta infatti è solo l’ultima nata all’interno di un progetto per la costruzione di case di argilla a basso costo, utilizzando un principio simile a quello della stampa di materie plastiche ma con un estrusore, un sistema di stampa, progettato appositamente per lavorare con questi materiali. BigDelta, oltre a essere la stampante 3D più grande del mondo, è praticamente il primo modello in grado di realizzare un’abitazione a grandezza reale, utilizzando appunto questo materiale così economico.

Se costruire case in argilla può sembrare una velleità, il comunicato stampa di WASP ci aiuta a comprendere meglio: le Nazioni Unite stimano che entro il 2030 serviranno 100.000 nuove unità abitative ogni giorno per incontrare la necessità di persone con un reddito annuo sotto i 3000 dollari. Il sogno di WASP è quello di poter realizzare queste abitazioni usando stampanti come BigDelta, che può essere riposizionata rapidamente dopo aver costruito una casa e consuma pochissima energia elettrica, per dare più in fretta un tetto alle persone bisognose.

WASP BigDelta. la stampante 3d più grande del mondo
WASP BigDelta. la stampante 3d più grande del mondo

BigDelta è stata presentata nei giorni scorsi a Massa Lombarda e ha ottenuto una grande attenzione da parte dei media internazionali, sia perché è la stampante 3D più grande del mondo, sia perché permette di stampare una casa intera, sia perché il progetto ha fini umanitari che vanno ben al di là della semplice realtà commerciale.

Fonte foto copertina: Wasproject.it