Emergenza coronavirus, Lamorgese parla della regolarizzazione degli stranieri e degli italiani in nero.

In occasione del question time al Senato, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ha parlato della regolarizzazione degli stranieri e degli italiani che lavorano in nero. Il tema nasce da una richiesta avanzata dalla ministra Bellanova, che aveva parlato della necessità di salvare il sistema-agricoltura, messo in ginocchio dal coronavirus.

Di seguito il video della diretta dal Senato

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Lamorgese, ‘Regolarizzare italiani e stranieri in nero’

Sulla regolarizzazione c’è una valutazione con il ministro dell’Agricoltura e il ministro del Lavoro in tema di lavoro nero che riguarda sia cittadini italiani che stranieri“, ha ammesso Lamorgese in occasione del question time al Senato. E Matteo Salvini ha aspramente criticato la proposta accusando il governo di pensare agli stranieri e non agli italiani. Il numero uno del Carroccio negli ultimi giorni ha rilanciato l’offensiva contro la maggioranza battendo sui temi cari alla Lega.

Luciana Lamorgese
Luciana Lamorgese

Lamorgese, ‘La questione nasce dall’esigenza di trovare una soluzione ai problemi che stanno emergendo nel settore dell’agricoltura’

Lamorgese ha spiegato che la proposta servirebbe a trovare una soluzione all’emergenza che ha investito il mondo dell’agricoltura, che di fatto si è ritrovato quasi senza lavoratori.

“In effetti la questione nasce dall’esigenza di trovare una soluzione ai problemi che stanno emergendo nel settore dell’agricoltura come in quello della pesca al fine di sopperire alle carenze dei lavoratori senza pregiudicare la produzione italiana. È un problema che viene sollevato da più settori. Ripercorre analoghe soluzione fatte negli anni scorsi. E può portare maggiore garanzia della sicurezza pubblica”.

ultimo aggiornamento: 22-04-2020


Fca: “Le fabbriche ripartono parzialmente da lunedì 27 aprile”. I sindacati chiedono chiarimenti al Governo

Netflix-boom, quasi 16 milioni di nuovi abbonati nei primi tre mesi del 2020: effetto ‘isolamento’?