Incidente a Lampedusa, turista torinese investita e uccisa da un’auto pirata. La donna era arrivata sull’isola solo due ore prima il tragico investimento.

Tragedia a Lampedusa, dove una turista torinese è stata investita e uccisa da un’auto pirata. La donna era arrivata sull’isola insieme con il marito da appena due ore quando è stata travolta da una macchina che poi si è allontanata senza prestare soccorso alla vittima.

Lampedusa, turista torinese investita e uccisa da un’auto pirata

La donna era partita da Pinerolo (Torino) e aveva raggiunto Lampedusa il 31 agosto. Poche ore dopo il suo arrivo la turista è stata investita e uccisa da un’auto pirata.

L’incidente è avvenuto intorno alle 23, quando la donna ha lasciato il residence dove alloggiava per fare una passeggiata nel centro dell’isola. Mentre camminava è stata investita da un fuoristrada ed è andata a sbattere contro un palo.

Polizia Italiana
Polizia Italiana

L’arrivo dei soccorritori e la corsa in ospedale

Immediato l’arrivo dei soccorritori che hanno trasportato la donna in Pronto Soccorso, dove i medici hanno constatato il decesso della torinese. Nella tragedia c’è anche un lampo di luce, una speranza. La notizia ha fatto in poco tempo il giro del centro abitato e tantissime persone del posto si sono recate in Pronto Soccorso per provare a confortare il marito della vittima che si trovava nella sala d’attesa dell’ospedale.

Fermato e interrogato l’investitore

L’investitore ha fermato la macchina a pochi metri di distanza dal luogo dell’investimento e poi si è dato alla fuga insieme alle altre persone che si trovavano sull’automobile. Gli inquirenti hanno parlato con il marito della vittima per raccogliere le informazioni utili per risalire al responsabile. L’uomo che si trovava alla guida della macchina è stato identificato, fermato e interrogato per tutta la notte.


Milano, donna trovata morta in casa: arrestato il marito

Disavventura per Papa Francesco: il Pontefice è rimasto chiuso in ascensore per 25 minuti