L’anno della rinascita: Milan rosa 2016

Dall’inferno all’Europa League, i protagonisti: Milan rosa 2016.

chiudi

Caricamento Player...

Milan rosa 2016 – Stagione della rinascita, anno delle grandi sorprese, momento della svolta epocale: questo e tanto altro ha rappresentato la stagione 2016/2017 per un Milan che ha visto finire l’era Berlusconi e l’inizio dell’epoca cinese, in linea in fondo con la trasformazione del Calcio che ha avuto luogo negli ultimi anni.

AC Milan, stagione 2016/2017:

Vincenzo Montella Milan – La rivoluzione rossonera inizia, o per meglio dire prosegue, con l’approdo di Vincenzo Montella sulla panchina del Milan. L’Aeroplanino raccoglie l’eredità lasciata da Sinisa Mihajlovic, sostituito nella parte finale della stagione, in seguito al suo esonero, da Brocchi. Montella è il primo allenatore campano a sedere sulla panchina del Milan e viene accolto dai tifosi con un moderato entusiasmo.

VINCENZO MONTELLA
VINCENZO MONTELLA

Portieri Milan – Tra i pali i rossoneri si coccolano il loro giovane pupillo Gianluigi Donnarumma, reduce da una stagiona strabiliante nonostante la giovanissima età. Alle sue spalle, dopo il ritiro di Abbiati, Storari, rilevato dal Cagliari e il giovanissimo Plizzari.

Difesa Milan 2016 – Il reparto arretrato è ritenuto a inizio stagione il tallone d’Achille della squadra. Punto fermo è Alessio Romagnoli, affiancato al centro da Gabriel Paletta, ritornato dall’Atalanta. A disposizione di Montella anche Zapata e il neo acquisto Gustavo Gomez, autore di un inizio di stagione tutto da dimenticare. Sulle corsie esterne AbateDe SciglioLuca Antontelli, il giovanissimo Davide Calabria e il nuovo innesto proveniente dal River Plate Lionel Vangioni.

RomagnoliCentrocampo Milan 2016 – A centrocampo Montella chiama a Milano Mati Fernandez, fermo a lungo a causa di un grave infortunio e destinato a emergere solo nella seconda parte della stagione. Fascia da capitano e maglia da titolare a Riccardo Montolivo. In prestito dal Chelsea i rossoneri mettono le mani su Mario Pasalic, destinato a farsi conoscere per i suoi gol (pochi) pesanti. Il mercato regala inoltre al tecnico milanista José Sosa, prelevato dal Besiktas, mentre dalle giovanili prende piede Manuel Locatelli. Confermati Andrea PoliKuckaBertolacci. Leader tecnico del reparto è Giacomo Bonaventura.

Attacco Milan 2016 – Persa la scommessa Niang, ceduto nella sessione invernale, il Milan scommette su Ocampos, prelevato in prestito dal Genoa a gennaio, e su Deulofeu, preso sempre in prestito dall’Everton nello stesso mese di gennaio. Dall’inizio della stagione un ruolo da trascinatore lo ricopre Suso, mentre i rossoneri assistono al lento declino di Carlos Bacca, comunque spesso e volentieri preferito a Gianluca Lapadula, arrivato in estate dal Pescara. Finisce nel dimenticatoio ma non sul mercato Keisuke Honda.

Milan Suso