Il Fatto Quotidiano: Lapo Elkann fermato dai carabinieri a settembre e trovato in possesso di 4 grammi circa di cocaina. Pm chiede l’archiviazione.

Stando a quanto riferito da il Fatto Quotidiano, nel mese di settembre Lapo Elkann è stato fermato tra Portofino e Santa Margherita. Per la precisione sarebbe stato fermato due volte a distanza di pochi chilometri. La prima volta per eccesso di velocità. In occasione del secondo controllo Lapo sarebbe stato trovato in possesso di 4 grammi di cocaina.

Lapo Elkann fermato a settembre e trovato con 4 grammi circa di cocaina

Stando alla ricostruzione de il Fatto Quotidiano, nel mese di settembre Lapo Elkann è stato fermato dai Carabinieri nei pressi di Portofino. Gli agenti lo avrebbero fermato per eccesso di velocità. Elkann sarebbe poi stato fermato a pochi chilometri di distanza e in occasione del secondo controllo sarebbe stato trovato in possesso di 4 grammi di cocaina.

Lapo Elkann
Lapo Elkann

L’indagine degli inquirenti e la richiesta di archiviazione per Elkann

La Procura di Genova, sempre stando a quanto riferito dal quotidiano, avrebbe aperto un’inchiesta per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Ed Elkann sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati. La pm che segue le indagini avrebbe chiesto di procedere con l’archiviazione in quanto il quantitativo rintracciato in possesso di Lapo Elkann, tra i 3 e i 4 grammi, sarebbe compatibile con l’uso personale, e quindi non con lo spaccio.

I precedenti e i ricoveri

Sono noti i precedenti di Lapo Elkann con la cocaina. Nel 2005 fu ricoverato a Torino per un’overdose, mentre nel 2019 aveva avuto un incidente a Tel Aviv ed era stato nuovamente ricoverato. Al termine del difficile percorso di ripresa Lapo aveva rilasciato un’intervista nella quale aveva fatto sapere di essere intenzionato a cambiare vita.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
cronaca Lapo Elkann

ultimo aggiornamento: 09-12-2020


Milano, Alberto Forchielli indagato per evasione fiscale

Coronavirus ma non solo, le parole più cercate su Google nel 2020