L’App Signal lancia la crittografia per tutti

La sicurezza e la riservatezza delle conversazioni sono temi sempre più caldi, e l’App Signal ci offre la possibilità di proteggerci senza sforzi.

chiudi

Caricamento Player...

Esiste da circa un anno su iPhone, ma da poco più di due giorni è disponibile anche per Android: si tratta di Signal, un App che ha già saputo farsi amare dagli appassionati di privacy e sicurezza, realizzata dallo sviluppatore Open Whisper System, con un intento preciso: quello di proteggere conversazioni e messaggi. Per la verità gli utenti Android potevano già usare i sistemi di protezione di Open Whisper System sotto forma di due app separate, TextSecure per i messaggi e RedPhone per le chiamate, ma nell’ottica di rendere tutto il più semplice possibile, unire il tutto sotto il nome già noto di Signal è stata senza dubbio una buona idea, anche perché in questo modo i due ecosistemi, il mondo iOS e quello Android, possono diventare permeabili e permettere lo scambio di conversazioni anche fra sistemi operativi diversi.

Privacy Facile

Come annunciano gli sviluppatori, in Signal tutto è end-to-end encrypted, cioè crittografato da punto a punto, cioè a partire dal nostro smartphone fino a quello dell’interlocutore. Nessuno, nemmeno gli sviluppatori, può ascoltare le conversazioni o leggere i messaggi. La crittografia, cioè la cifratura di messaggi e conversazioni, è possibile da molti anni, fin dagli albori della posta elettronica, ma è sempre stata una questione piuttosto complessa da configurare e utilizzare. Il grandissimo pregio di Signal è quello di rendere tutto facile e immediato, come l’installazione di qualsiasi App. Una volta installata userà il numero di telefono esistente, proprio come fanno per esempio WhatsApp o Telegram, ma con un livello di sicurezza decisamente più elevato. Signal è già disponibile da tempo per iPhone su iTunes Store e da qualche giorno anche su Google Play Store per smartphone Android. Per garantire una maggiore trasparenza inoltre il progetto è completamente Open Source e chiunque può controllare, utilizzare o modificare i codici sorgente delle applicazioni.

Fonte foto copertina: Open Whisper Systems