Larry McMurtry è morto all’età di 84 anni. Lo sceneggiatore e scrittore in carriera ha vinto un Pulitzer e un Oscar.

NEW YORK (STATI UNITI) – Larry McMurtry è morto all’età di 84 anni. Come riportato da Il Post, lo sceneggiatore e scrittore si è spento nella giornata di giovedì 25 marzo, ma la famiglia ha comunicato la notizia del decesso solamente il giorno dopo.

Massimo riserbo sulle cause della scomparsa dell’artista. L’ultimo saluto dell’uomo si svolgerà nel massimo rispetto delle norme anti-Covid. E al termine della pandemia non si esclude la possibilità di un evento per ricordare lo sceneggiatore e lo scrittore. Il cordoglio sui social è stato immediato.

Chi era Larry McMurtry

Nato nel Texas nel 1936, Larry McMurtry è cresciuto in una famiglia di allevatori che ha sicuramente condizionato il suo modo di scrivere. La maggior parte dei suoi romanzi, infatti, erano spesso del genere western.

Un lavoro di scrittore che nel 1986 gli ha consentito di conquistare il Premio Pulitzer con il libro Lonesome Dove. Un capolavoro diventato una miniserie di successo sia negli Usa che in Italia. Ma nella sua lunga e importante carriera c’è anche una parantesi da sceneggiatore. E anche in questo caso è arrivato un riconoscimento importante come il premio Oscar alla miglior sceneggiatura con il film I segreti di Brokeback Mountain. Una pellicola che gli è valsa un Golden Globe e un premio BAFTA.

Ambulanza
Ambulanza

Larry McMurtry morto

La morte di Larry McMurtry è avvenuta giovedì 25 marzo 2021, ma la famiglia ha comunicato il suo decesso solamente il giorno successivo senza dare ulteriori dettagli sulle cause del decesso.

Al termine della pandemia possibile un evento per ricordare lo scrittore e lo sceneggiatore. Sono molte, infatti, le persone che per l’emergenza coronavirus non potranno omaggiare per l’ultima volta l’artista, scomparso all’età di 84 anni negli Stati Uniti. Una scomparsa che lascia un vuoto incolmabile nel mondo del cinema e letteratura internazionale.


Tragedia sul lavoro a Napoli, morto un capostazione

Torna a scuola dopo l’aborto, in classe biglietti offensivi con il disegno di un feto