Lavoratori impatriati e il regime fiscale di questo comparto, specificità e normativa vigente.

Lavoratori impatriati cosa conoscere

L’Agenzia delle Entrate attraverso il provvedimento n. 64188 del 31/03/2017 mette nero su bianco le modalità di esercizio dell’opzione per i lavoratori impatriati che doveva essere effettuata entro la data del 2 maggio 2017. Occorre comunque comprendere cosa prevedeva questa opzione per l’anno in corso.
Si tratta dell’applicazione del regime fiscale agevolato previsto per questi lavoratori.
La Legge n. 238/2010 prevede un esenzione fiscale del reddito imponibile dell’80% o del 70%, per i soggetti che, alla data del 20 gennaio 2009, o di seguito a questa, sono in possesso di un titolo di laurea, abbiano risieduto in maniera continuativa per almeno due anni solari in Italia e abbiano risieduto fuori dal proprio Paese d’origine e dall’Italia, in questo caso avendo svolto in maniera continuativa un’attività di lavoro dipendente, di lavoro autonomo o d’impresa.
Questa esenzione è prevista anche per quei lavoratori che, rimanendo sulla data del 20 gennaio 2009 o successivamente, hanno risieduto in maniera continuativa per almeno 2 anni in Italia, negli ultimi due anni o più, risiedendo fuori dal proprio Paese d’origine e dall’Italia conseguendovi un titolo di laurea o una specializzazione post laurea.

La Legge di Stabilità 2016

Questa annuale approvazione per il 2017 prevede una proroga al 31 dicembre 2017 dell’insieme dei benefici fiscali previsti nella Legge n. 238/2010, ma unicamente destinata ai soggetti rientrati in Italia entro il 31 dicembre 2015.
L’esercizio per l’opzione relativa all’applicazione del regime fiscale agevolato previsto per i lavoratori impatriati attraverso il Provvedimento n. 64188 del 31 marzo 2017, illustra le modalità di esercizio dell’opzione, da effettuarsi entro il prossimo 30 aprile, prorogato al 2 maggio 2017 poiché la data precedente era di domenica.
Per l’anno d’imposta 2016 i lavoratori dipendenti che scelgono questa opzione applicano il regime agevolato in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta. Per l’anno di imposta 2017 l’agevolazione è applicata dal datore di lavoro.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 26-05-2017


Euribor in tempo reale, dove trovarlo e come comprenderlo

CAF: i centri di assistenza fiscale a Milano