Molti giovani del Sud sono disposti a trasferirsi al nord per lavoro, ma con gli stipendi proposti è impossibile vivere in certe città.

Il dibattito sui giovani che non vogliono lavorare, soprattutto una certa narrazione che vede i giovani del sud più fannulloni, sta dilagando nelle ultime settimane. Ma dietro questi stereotipi si nascondono motivazioni molto più semplici e concrete: gli stipendi sono insufficienti, soprattutto per vivere in città del nord come Milano.

Un’analisi su Repubblica analizza il dato che vede molti posti all’interno della pubblica amministrazione vuoti perché rifiutati da chi l’ha vinto. Spesso sono persone che risiedono al sud che rifiutano un lavoro con uno stipendio che non basta a pagare un affitto e vivere in città che diventano sempre più care, su tutte Milano dove ci sono la maggior parte di offerte di lavoro ma dove uno stipendio di 1.500 euro basta solo a pagare l’affitto.

Quando arriva un nuovo collega del Sud, io gli consiglio subito di trovarsi un fidanzato o una fidanzata per dividere le spese altrimenti è impossibile vivere a Milano” dice a Repubblica una funzionaria pubblica di Salerno che lavora a Milano. La funzionaria racconta che negli ultimi tempi capita che neoassunti si licenzino perché le spese che si trovano ad affrontare una volta trasferiti assorbono tutto lo stipendio.

giovani al lavoro
giovani al lavoro

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Stipendi bassi e zero smart working: la Pa deve cambiare per attrarre i giovani

Il problema c’è soprattutto nella Pa. Nella pubblica amministrazione gli stipendi sono molto bassi rispetto al carico di lavoro. Soprattutto non c’è avanzamento di carriera per oltre 30 anni a volte. Molti giovani quindi rifiutano i posti nella Pa sperando in opportunità migliori e più redditizie nel privato. Anche la mancanza di smart working all’interno degli uffici della Pa è motivo di rifiuto.

Ora la Pubblica amministrazione sta organizzando Open day per attirare i giovani. Ma se continua a mantenere tecnologie e procedure obsolete e non prevedere lo smart working, e soprattutto aumentare gli stipendi, è difficile che quei posti vuoti verranno riempiti.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-05-2022


Vent’anni da Pratica di Mare, Berlusconi rivendica l’incontro

KillNet, gli hacker filorussi attaccano l’Italia?