Lazio-Milan, Gattuso in conferenza stampa

Ecco le dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa da mister Gennaro Gattuso in vista della sfida di campionato contro la Lazio.

Serie A, Lazio-Milan è il big match della 13esima giornata di campionato. Alla vigilia della gara dell’Olimpico,  il tecnico rossonero, Gennaro Gattuso, ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni.

Sul momento del Milan: “Ho visto la squadra viva. Mi è piaciuto molto anche lo spirito di chi è arrivato dalla Nazionale, sono molto soddisfatto. Le assenze non devono essere una scusa, dobbiamo dare tutti qualcosa in più. Giochiamo anche con tanti giocatori fuori ruolo, ma dobbiamo stringere i denti e migliorare la classifcia”.

Sui giocatori infortunati: “Romagnoli e Musacchio – ha affermato Gennaro Gattuso – potrebbero tornare a disposizione tra 2-3 settimane, questa è una mia idea parlando con lo staff medico. Al Milan ci sono grandi professionisti, quest’anno siamo a cinque infortuni muscolari. Si sono fatti male tutti insieme. Romagnoli si è fatto male a Coverciano, Biglia sul campo tre non scattando. Caldara si è fatto male al campo cinque, che assomiglia per caratteristiche a San Siro. Non sto cercando gli alibi, siamo una squadra che non lavora in palestra. Forse abbiamo sbagliato qualcosa, ma se andiamo a vedere negli altri anni è successo di peggio”.

Alessio Romagnoli Betis-Milan
Alessio Romagnoli (fonte foto https://twitter.com/ACMilanFRA)

Serie A, Lazio-Milan domenica 25 novembre alle 18

Sulla condizione di Calhanoglu: “Sta un po’ meglio. Le sue prestazioni sono anche colpa mia e del mio staff, lo abbiamo convinto a giocare anche se era al 50%. Così come Kessie. A livello balistico, se Calhanoglu non sta bene fa fatica a calciare. Ora sta un po’ meglio, è un giocatore che ci serve al massimo”.

Sulle dichiarazioni di Ibrahimovic: “Non avevo bisogno delle parole di Ibra per capire che il Milan piace ancora tanto ai giocatori. Chi viene qua è sempre contento di indossare una maglia così gloriosa”.

Sulle sconfitte nei big match con Juve e Inter: “La Juventus è una delle squadre più forti in Europa, ma la nostra partita non è stata da buttare via. L’Inter ha caratteristiche ben precise, abbiamo perso per episodi, non ci hanno messo alle corde. Abbiamo qualcosa in meno, ma quando affrontiamo queste squadre lo facciamo con la giusta cattiveria”.

Zlatan Ibrahimovic
Fonte foto: https://www.facebook.com/ZlatanIbrahimovic/

Gennaro Gattuso: “Ibra? Forse ci sta pensando, vedremo…”

Ancora sulla squadra: “Ha voglia e ha capito il momento: è una squadra che ha sempre avuto questo tipo di atteggiamento. All’inizio giocavamo un buon calcio e non riuscivamo a vincere le partite. Quest’anno giochiamo meno bene ma abbiamo fatto più punti”.

Su Higuain: “È capitato di giocatori che sono venuti e hanno avuto dei problemi familiari, come Bonucci. Higuain non mi ha mai detto di voler andare via, gli ho detto di essere meno nervoso. È uno dei calciatori più importanti, deve solo essere meno nervoso. Mi sembrano strani questi titoli sui giornali, se avesse avuto voglia di cambiare aria me l’avrebbe detto. Non voleva vendicarsi con la Juve, poteva gestire meglio l’episodio sull’arbitro. Il rigore? Si sentiva di calciarlo, li ha sbagliati Maradona… Deve continuare senza cercare gli alibi, leggere poco, ascoltare pochissimo quello che viene dall’esterno”.

Sui complimenti di Ibrahimovic: “Con me non si vince nulla – ha scherzato Gennaro Gattuso – ho perso una finale di Coppa Italia. È stato un mio compagno di squadra, abbiamo un ottimo rapporto, ad avercene di giocatori così. Lo ringrazio per quello che ha detto e vedremo. Non è vero che si è proposto, forse è stato cercato e ci sta pensando.

Patrick Cutrone
fonte foto https://twitter.com/Irwan_Arfian

Milan, Gattuso: “Cutrone va lasciato tranquillo”

Su Cutrone: “Deve fare la sua partita. Noi dobbiamo riuscire a giocare da squadra mentre lui, quando arrivano i palloni, deve sfruttarli. Non deve sentire troppe responsabilità, va lasciato tranquillo”.

Sul possibile utilizzo di Simic: “Una possibilità già domani? Non si sa mai. Abbiamo provato la difesa a tre ma anche quella a quattro. In queste nove partite lo abbiamo a disposizione, dobbiamo metterlo in condizione di farlo esprimere al massimo”.

Per Gennaro Gattuso è già trascorso un anno da allenatore del Milan: “Sembrano dieci a livello calcistico. Ho vissuto un anno bello, è un gruppo valido, che riesce a stare bene insieme. I ragazzi stanno dando tutto. Siamo il Milan e veniamo giudicati anche in maniera eccessiva, ma ci sta per la storia. La squadra è cresciuta tantissimo, l’asticella è ancora alta, dobbiamo sopperire a tanti errori, ma si può partire da qualcosa”.

Sulla Lazio: “È una squadra che porta tantissimi giocatori in avanti e che ha cambiato poco dall’anno scorso. La tipologia di gioco è rimasta uguale. Sull’esterno ti possono mettere in difficoltà, Immobile attacca la profondità come pochi”.

Ecco la conferenza integrale di Gennaro Gattuso:

Coach Gattuso's press conference on the eve of #LazioMilanLa conferenza stampa del Mister alla vigilia della trasferta di Roma

Pubblicato da AC Milan su Sabato 24 novembre 2018

ultimo aggiornamento: 24-11-2018

X