Alla vigilia del match contro il Milan, l’allenatore della Lazio, Maurizio Sarri parla di una Coppa Italia che non ritiene sportiva.

Dopo la stupenda vittoria a Firenze contro la Fiorentina da parte della Lazio, alla vigilia dei quarti di finale di Coppa Italia contro il Milan, il tecnico biancoceleste Maurizio Sarri ha rilasciato le seguenti dichiarazioni a Lazio Style Channel.

Viene chiesto come arrivano entrambe le squadre alla partita: “Con i presupposti giusti entrambe le squadre. Loro hanno vinto un derby che ti dà tanta benzina, ma anche noi abbiamo vinto una partita importante. La Coppa Italia è una delle competizioni più antisportive al mondo, è palesemente fatta per far arrivare alle dirette televisive certe squadre. Non si sa quando, dove e chi fa i sorteggi. Ma è così e ce la giocheremo al meglio”.

Maurizio Sarri
Torino 11/07/2020 – campionato di calcio serie A / Juventus-Atalanta / foto Insidefoto/Image Sport nella foto: Maurizio Sarri

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Sarri parla anche di come è cambiata la squadra biancoceleste

L’allenatore della Lazio, Sarri parla di come sono cambiati durante l’anno: “Sicuramente siamo cambiati, anche se bisogna vedere quanto sono cambiati loro. Ogni partita, soprattutto quelle a eliminazione diretta, fanno storia a sè”.

Viene chiesto al tecnico se ha già idea della formazione che vuole mettere in campo contro il Milan di Pioli. Queste le sue parole: “Ancora non ho assolutamente idea. Non dobbiamo essere condizionati dalla partita di campionato in cui abbiamo perso in maniera netta. Dobbiamo giocare con tanta motivazione: per noi che siamo nella terra di nessuno la Coppa Italia è un traguardo importante, per loro invece, che sono in lotta per lo scudetto, può essere un traguardo secondario. Noi adesso dobbiamo sparare più cartucce possibili”. Conclude così la conferenza prepartita contro il Milan di domani in Coppa Italia a Milano.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news

ultimo aggiornamento: 08-02-2022


Napoli, Osimhen: “Koulibaly? In allenamento non mi fa mai segnare”

Leandro Castan: “Roma, con Pellegrini la fascia è in buone mani”