Taglio dei parlamentari, le conseguenze. Come cambia il Parlamento, quando entra in vigore e quanto risparmia lo Stato.

Approvato il taglio dei parlamentari con la vittoria del sì al Referendum, possiamo andare a fotografare quello che sarà il nuovo Parlamento italiano, trasformato dopo la riduzione di deputati e senatori.

Camera dei Deputati Parlamento
Camera dei Deputati Parlamento

Referendum taglio dei parlamentari, come cambia il Parlamento

Il dato numerico è noto a tutti. Con il taglio dei parlamentari si procede con la riduzione da 945 a 600 onorevoli. Tradotto, il Parlamento italiano avrà 345 parlamentari in meno.

Per quanto riguarda la composizione delle singole Aule, alla Camera si passa da 630 a 400 deputati, mentre in Senato si passa a 315 a 200 senatori.

Evidentemente cambia anche il rapporto di rappresentanza.In parole povere aumenta il numero medio di abitanti per ciascun parlamentare eletto.

Montecitorio
Montecitorio

I risparmi per le casse dello Stato

Dal punto di vista economico, come ammesso anche dai sostenitori del Sì, non siamo di fronte a una svolta. Secondo calcoli ritenuti affidabili, si parla di un risparmio dello 0,007%. Alcune stime più ottimistiche parlano di 100 milioni annui, e quindi 500 milioni a legislatura. Per avere un quadro chiaro dovremmo attendere che la riforma diventi affettiva.

Senato
Senato

Quando entra in vigore il taglio dei parlamentari

Ma quando entra in vigore? La riduzione diventa effettiva dallo scioglimento delle Camere o dalla prima cessazione. In ogni caso non può entrare in vigore prima che siano trascorsi sessanta giorni necessari per adeguare i collegi elettorali alla riforma.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
politica referendum taglio dei parlamentari

ultimo aggiornamento: 27-09-2020


Caso Tridico, aumento di stipendio avviato dal Ministero guidato da Di Maio. Il presidente dell’Inps si difende: “Non ho deciso io”

Renzi esulta, “Conte ha detto basta a quota 100, un passo avanti. Ora il Mes”