Alla scoperta del Ludogorets: storia, società e stadio

Giovedì 15 alle 19.00, alla Ludogorets Arena, il Milan affronta i campioni di Bulgaria nell’andata dei sedicesimi di finale di Europa League. Ecco le curiosità sul club di Razgrad.

Il Ludogorets è il prossimo avversario del Milan in Europa League nei sedicesimi del torneo continentale. Il club bulgaro è stato fondato nel 2001 sulle ceneri della società nata nel 1945 e poi fallita per bancarotta all’inizio del nuovo Millennio. Artefici della rinascita del calcio a Razgrad, città situata nel nord-est della Bulgaria, un gruppo di imprenditori locali tra cui Kiril Domuschiev e Aleksandar Aleksandrov, attuale presidente. Il Ludogorets adotta i colori sociali bianco e verde.

Sei anni di successi

La formazione allenata da Dimitar Dimitrov ha ottenuto la promozione nella massima serie della Bulgaria nel 2011 e alla prima partecipazione ha vinto il campionato, a cui ha sommato la coppa e la supercoppa nazionale, conseguendo il “triplete”. Da quel momento in poi, il Ludogorets ha dettato legge nel campionato bulgaro, con un’egemonia inequivocabile: sei titoli nazionali (tutti consecutivi), due Coppe di Bulgaria e due Supercoppe. Per due volte Dyakov e compagni hanno raggiunto la fase a gironi della Champions League.

Lo stadio

L’impianto di gioco dei campioni bulgari è la “Ludogorec Arena”. Lo stadio è stato ricostruito nel 2011 al costo di tre milioni di euro. La capienza iniziale prevista era di 8.800 spettatori ma nel 2014 la ristrutturazione ha aumentato i posti a 12.500. Oltre al Ludogorets, ci gioca anche la Nazionale di calcio bulgara Under-21.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 12-02-2018

Fabio Acri

X