Mattarella incontra gli studenti e indica la via al Movimento Cinque Stelle. La libertà di stampa aiuta a riflettere, è importante conoscere il parere degli altri.

In occasione dell’incontro con un gruppo di studenti, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto mandare un messaggio al Movimento Cinque Stelle parlando della libertà di stampa. Da giorni i social discutono sulle parole di Di Maio, che ha paragonato i giornalisti alle prostitute e agli sciacalli. Il capo dello Stato ha voluto sottolineare l’importanza della libertà di stampa e la capacità di saper riflettere partendo da opinioni differenti dalle proprie.

Sergio Mattarella: è importante conoscere il parere degli altri, la libertà di stampa aiuta a riflettere

Di seguito una parte dell’intervento di Sergio Mattarella: “Al mattino leggo i giornali: notizie e commenti, quelli che condivido e quelli che non condivido e forse questi secondi per me sono ancora più importanti. Perché è importante conoscere il parere degli altri, le loro valutazioni”, ha dichiarato il presidente della Repubblica come riportato dall’ANSA.

“Quelli che condivido sono interessanti, naturalmente e mi stanno a cuore; ma quelli che non condivido sono per me uno strumento su cui riflettere. E per questo ha un grande valore la libertà di stampa, perché, anche leggendo cose che non si condividono, anche se si ritengono sbagliate, consente e aiuta a riflettere“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Sergio Mattarella
fonte foto http://www.quirinale.it/elementi/17805

Roberto Fico, la libertà di stampa sarà tutelata fino alla fine

Sulla polemica tra il MoVimento Cinque Stelle è intervenuto anche il presidente della Camera Roberto Fico. C’è la Costituzione, la libertà di stampa è tutelata e sarà tutelata fino alla fine, ma negli ultimi trenta anni è mancata una cultura generale dell’indipendenza ed e’ un tema che va affrontato perche’ la stampa influenza la politica e i politici influenzano i giornalisti“.


Tav, Chiara Appendino incontra Di Maio

Publitalia, archiviata l’inchiesta su Berlusconi