L’indagine della Procura di Gorizia e l’allarme della Guardia di Finanza: le mascherine cinesi non proteggono, devono essere ritirate.

Le mascherine cinesi di tipo Ffp2 e Ffp3 non proteggono e devono essere ritirate. È quanto emerge da un’indagine condotta dalla Procura di Gorizia dopo un sequestro avvenuto lo scorso mese di marzo. Per la precisione, nel mirino delle Fiamme Gialle di Gorizia ci sono finite le mascherine appartenenti a 12 lotti. I dispositivi di protezione in questione sono state consegnate in Italia a partire dallo scorso mese di luglio.

L’allarme della Guardia di Finanza: le mascherine cinesi non proteggono

La Guari di Finanza di Gorizia ha chiesto alle Asl di ritirare le mascherine cinesi di tipo Ffp2 e Ffp3 in quanto non proteggono dal Covid. E si tratta di mascherine che sono state distribuite principalmente negli ospedali e nelle strutture sanitarie.

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

I lotti a rischio

Di seguito la lista dei lotti a rischio:

FACCIALE SCYFKZ KN95 GB2626~2006 FILTRANTE FFP2 S/VALVOLA DPI MONOUSO;

FACCIALE (UNECH KN95) FILTRANTE FFP2 S/VALVOLA DPI MONOUSO;

FACCIALE (ANHUI ZHONGNAN) FILTRANTE FFPZ GB2626-2006 EN149 S/V AL VOLA DPI MONOUSO;

FACCIALE (JY-JUNYUE) FILTRANTE KN95 GB/2626-2006 EN 149 FFP2 S/VALVOLA DPI MONOUSO;

FACCIALE (WENZHOU XILIAN) FILTRANTE FFP2 KN95 GB2626-2006 EN 149 S/V AL VOLA DPI M ONO USO;

FACCIALE {ZHONGKANG) FILTRANTE FFP2 KN95 GB2626″2006 EN 149 S/V AL VOLA DPI MONOUSO;

FACCIALE WENZHOU HUASAI FILTRANTE KN95 GB/2626-2006 EN 149 FFP2 S/VALVOLADPI MONOUSO;

MASCHERINE FILTRANTI WENXIN FFP2 – KN 95 PRODOTTE DALLA TONGCHENG WENXIN LABOR PROTECTION PRODUCTS CO. LTD;

FACCIALE – MASCHERINE FILTRANTI BI WEI KANG CE 1282-9600 TYPE FILTER RESPIRATOR PRODOTTE DALLA YIWU BIWEIKANG LABOR PROTECTION PRODUCT CO. LTD;

FACCIALE (WENZHOU LEIKANG) FILTRANTE FFP3 S/VALVOLA EN149, PRODOTTE DALLA WENZHOU LEIKANG MEDICAI. TECNOLOGY CO.LTD;

FACCIALE (XINNUOZI) FILTRANTE FFP3 S/VALVOLA GB2626-2006 EN149, PRODOTTE DALLA HAINING NUOZI MEDICAL EQUIPEMEN’T CO. LTD.

L’indagine della Procura di Gorizia

L’indagine della Procura di Gorizia nasce da un sequestro avvenuto lo scorso mese di marzo, quando le autorità hanno intercettato dodici tipi di mascherine provenienti dalla Cina. Al sequestro aveva fatto seguito la richiesta di procedere con il ritiro immediato.

Le mascherine si erano rivelate inefficaci, incapaci di filtrare l’aria. Sostanzialmente quasi del tutto incapaci di bloccare il virus. A quel punto gli inquirenti hanno disposto il sequestro di 60 milioni di mascherine. I dispositivi si trovavano nei magazzini della struttura commissariale.

Dimostrata l’inefficacia di queste mascherine, la Finanza ha disposto che vengano ritirate tutte le mascherine appartenenti ai lotti in questione. 250 milioni circa.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 13-04-2021


AstraZeneca, seconda dose con un vaccino diverso. Iniziati i test allo Spallanzani

Maltrattamenti in una struttura per disabili, due fermati