Re Felipe: “La Catalogna è e resterà Spagna”. Pronto l’articolo 155

Il sovrano spagnolo, da Oviedo, lancia un monito alla Catalogna, sempre più intenzionata a dichiarare l’indipendenza. Intanto, il governo di Madrid è pronto a commissariare quello di Barcellona.

SPAGNA – Giornata di fuoco quella odierna circa il braccio di ferro tra Madrid e Barcellona sull’indipendenza della Catalogna. Poche ore fa, da Oviedo alla cerimonia di consegna dei premi Princesa de Asturias, è intervenuto Re Felipe, il quale ha dichiarato senza mezzi termini: “Il tentativo di secessione catalano è inaccettabile. E’ e sarà una parte essenziale della Spagna. Il Paese farà fronte all’inaccettabile tentativo di secessione di una parte del suo territorio nazionale e lo risolverà con le sue legittime istituzioni democratiche, nel rispetto della costituzione e dei valori e principi della democrazia parlamentare. Noi non vogliamo rinunciare a quello che abbiamo costruito insieme“.

Accordo tra popolari e socialisti

Nel frattempo, il Governo e il Psoe hanno raggiunto l’intesa sull’applicazione dell’articolo 155, che prevede il commissariamento della Catalogna, con l’assorbimento delle funzioni della Generalitat. A gennaio si svolgeranno nuove elezioni. Il Primo Ministro spagnolo, Mariano Rajoy, ha dichiarato: “Sabato (oggi, ndr) il Consiglio dei ministri, com’è suo dovere, annuncerà le misure necessarie per ristabilire la legalità e la normalità istituzionale nel Paese perché non può esistere una parte dello Stato dove la legge non si applica o non esiste. La situazione che si è creata è il frutto di decisioni irresponsabili da parte di dirigenti politici che sono stati incapaci di essere all’altezza delle circostanze“.Le misure verranno applicate dopo l’approvazione del Senato, riunito in seduta plenaria.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 21-10-2017

Fabio Acri

X