Le Regioni che potrebbero passare in zona Gialla il prossimo 26 Aprile. Il punto della situazione in vista del nuovo decreto.

A meno di una settimana dal 26 aprile, giorno di riaperture, i riflettori sono puntati sui dati delle singole Regioni per fare il punto della situazione e avere un quadro completo di quelle che possono sperare di passare in zona Gialla.

Coronavirus
Coronavirus

Coronavirus, le Regioni che sperano nella zona Gialla

La buona notizia è che, nonostante i timori legittimi di medici ed esperti, in base alla situazione epidemiologica attuale sono dieci se non addirittura undici le Regioni che possono sperare nel passaggio in zona Gialla. Nel primo passo verso il ritorno alla normalità.

Sperano nella zona Gialla l’Abruzzo, la Calabria, l’Emilia Romagna, il Friuli Venezia Giulia, il Lazio, la Lombardia, le Marche, il Molise. il Piemonte, l’Umbria, il Veneto, Trento e Bolzano.

Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria e Veneto, oltre alle province di Trento e Bolzano.

Resta in bilico tra il Giallo e l’Arancione la Toscana. Puglia, Sardegna e Valle d’Aosta invece dovrebbero rimanere in zona Rossa, mentre Calabria e Sicilia potrebbero rimanere in zona Arancione.

Ovviamente per avere un quadro più dettagliato della situazione si dovrà attendere il monitoraggio Iss del 23 aprile che fornirà il quadro epidemiologico nel quale si muoverà il ministro della Salute Roberto Speranza che firmerà le nuove ordinanze con i nuovi colori delle Regioni a partire dal 26 aprile.

Coronavirus bar
Coronavirus bar

Il decreto per il mese di maggio

Nella giornata del 21 Aprile il governo ha approvato il nuovo decreto con il quale ristabilisce la zona Gialla a partire dal 26 aprile. Di seguito tutte le regole del nuovo decreto, che programma le riaperture fino al prossimo 1 luglio.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 20-04-2021


Ragazza morta dopo l’asportazione di un neo, arrestati medico e guida spirituale

Spostamenti tra Regioni, coprifuoco e sport di contatto: il punto sul nuovo decreto