Corea del Nord, l’Onu impone nuove sanzioni su import e export

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite colpisce la Corea del Nord. Approvato all’unanimità il bando alle esportazioni di tessile e all’importazione di petrolio e gas.

chiudi

Caricamento Player...

NEW YORK (STATI UNITI) – Le Nazioni Unite hanno deciso di dare un duro monito alla Corea del Nord dopo l’ultimo test nucleare che ha generato un sisma di 6,3 di magnitudo, con un vettore balistico che ha coperto una distanza di oltre 2700 chilometri.

Unanimità su nuove sanzioni

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu, riunitosi al Palazzo di Vetro, ha infatti approvato all’unanimità una risoluzione che prevede il bando alle esportazioni tessili di Pyongyang e il divieto alle importazioni di petrolio e gas naturale verso la Corea del Nord fatta eccezione per una quantità da impiegare per il sostentamento della popolazione. Nel documento approvato dai 15 membri si afferma che “gli Stati membri devono vietare la fornitura diretta o indiretta, la vendita o il trasferimento alla Nord Corea di gas naturale e dei prodotti petroliferi raffinati, e Pyongyang non si deve procurare tali prodotti. Si consente la fornitura, il trasferimento o la vendita a Pyongyang di tutti i derivati del petrolio sino a 500mila barili per un periodo di tre mesi a partire dal primo ottobre, e sino a 2 milioni di barili all’anno a partire dal primo gennaio 2018, a condizione che siano impiegati esclusivamente per il sostentamento della popolazione e che non generino profitti da investire nei programmi nucleari o balistici“.

Kim Jong-un non in lista nera

La risoluzione 2375 è stata sostenuta e votata, dunque, anche da Cina e Russia, i due membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu, fortemente orientati a perseguire la strada diplomatica. Pechino e Mosca, infatti, hanno ammorbidito il documento finale, in particolare per quanto riguarda la posizione del leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, il quale non è stato inserito nella cosiddetta lista nera che prevede divieto di viaggio e blocco degli asset finanziari.