Dalla nomina del commissario Ue alla manovra, tutte le scadenze del governo in tempo di crisi

Tutte le scadenze del governo in tempo di crisi: dall’intervento di Conte al Senato alla prossima manovra economica passando per la nomina del commissario Ue.

Nonostante la crisi innescata dalla Lega, il governo ha delle scadenze irrevocabili che deve rispettare senza possibilità di proroghe. Il calendario delle Aule è fitto di impegni cruciali, ma ci sono altri appuntamenti fondamentali che non ammettono ritardi.

La relazione di Conte al Senato (e alla Camera?)

La prima tappa è fissata per il prossimo 20 agosto, quando Giuseppe Conte sarà in Senato per riferire sulla crisi di governo. A quel punto il premier avrà due opzioni a disposizioni. La prima è quella di recarsi al Colle per rassegnare le dimissioni, la seconda è quella di delegare la sfiducia al Parlamento, sottoponendosi alla mozione presentata dalla Lega.

In base a quello che succederà il 20 si delineerà anche la giornata del 21 agosto, quando Conte dovrebbe recarsi alla Camera per riferire. Nel caso in cui abbia già presentato le sue dimissioni, il suo intervento dovrebbe saltare,

Camera dei deputati
Fonte foto: https://www.facebook.com/Cameradeideputati

Il taglio dei parlamentari

Il 22 agosto l’appuntamento è ancora alla Camera, dove si voterà in quarta seduta la proposta del taglio dei parlamentari. Nel caso in cui Conte abbia già presentato le sue dimissioni, il lavoro delle Camere sarebbe paralizzato e non si potrebbe procedere con il voto. Se il premier, e quindi il governo, fosse ancora in carica, si procederebbe con il voto che dovrebbe passare grazie al fronte Lega-Movimento Cinque Stelle.

Il Commissario Ue

Entro e non oltre il 26 agosto l’Italia dovrà presentare a Bruxelles il nome del Commissario Ue. La situazione attuale rende difficoltosa la procedura e non è da escludere che il candidato italiano possa essere un uomo al di fuori della maggioranza di governo. Il nome che circola è quello di Cottarelli, una figura di garanzia sponsorizzata da Mattarella.

Le scadenza del governo in tempo di crisi: la manovra economica

La scadenza che preoccupa l’Italia e l’Europa è quella della prossima legge di bilancio. Entro il 15 ottobre l’Italia dovrebbe presentare a Bruxelles la prima bocca del documento programmatico, mentre la manovra deve essere approvata entro il 31 dicembre. In caso contrario scatterà in automatico l’aumento dell’Iva.

ultimo aggiornamento: 15-08-2019

X