Lecce, ladri gentiluomini alle Poste: prima soccorrono la direttrice, poi se ne vanno col bottino

È successo questa mattina a Castrì di Lecce. I tre uomini, dopo aver tranquillizzato la donna in preda a un malore, hanno portato via 60mila euro.

C’è modo e modo di fare rapine. Come insegnava il cartone animato ‘Lupin’, l’essere gentiluomini a volte paga. Una lezione immagazzinata e messa in pratica da tre uomini, questa mattina, all’ufficio postale di Castrì di Lecce. I rapinatori, come riportato da il Secolo XIX, hanno messo a segno un colpo studiato nei minimi dettagli: entrati all’interno dell’ufficio attraverso un foro praticato in un muro esterno, hanno aspettato per tutta la notte l’arrivo dei dipendenti, per poi minacciarli con delle armi da fuoco facendosi consegnare i soldi in cassa.

Ladri gentiluomini nel leccese

Proprio nel momento clou della rapina, la direttrice dell’ufficio postale si è sentita male. Nonostante i momenti di grande concitazione, gli uomini non si sono fatti prendere dal panico e hanno immediatamente prestato soccorso alla donna. Le hanno quindi fatto bere un bicchiere d’acqua, l’hanno aiutata a respirare e tranquillizzata. Dopodiché, hanno portato a termine il proprio “lavoro”, allontanandosi con un bottino piuttosto ricco: 60mila euro. Sono in corso in queste ore le indagini dei carabinieri, che non sono per il momento riusciti a risalire all’identità dei ladri gentiluomini. Ciò che è certo è che, qualunque sia l’esito delle ricerce, l’episodio verrà a lungo ricordato dalle parti di Castrì.

ultimo aggiornamento: 03-06-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X