Lega, è scontro sulla candidatura di Giulia Bongiorno

L’avvocato, neo candidata per la Lega, ha dichiarato: “Andreotti approverebbe“. Netta la replica di Maroni: “Noi quelli come Andreotti li combattevamo“.

Ha suscitato scalpore e qualche polemica nel mondo politico la notizia della candidatura dell’avvocato Giulia Bongiorno al fianco di Salvini nella Lega. Come riportato da Repubblica, quest’oggi su Twitter Roberto Maroni ha commentato così: “Giulia Bongiorno dice: ‘Questa Lega nazionale l’avrebbe approvata anche Andreotti’. È davvero cambiato il mondo: io e Bossi quelli come Andreotti li abbiamo sempre combattuti“. Ma non è solo Maroni a non aver gradito l’ingresso nella Lega dell’avvocato, che in campo politico aveva finora vissuto diverse avventure prima come deputata di Alleanza Nazionale, poi nel Popolo della Libertà e infine in Futuro e Libertà, sempre al fianco di Fini. Il suo legame con Andreotti risale invece a quando, poco meno che trentenne, entrò nello staff difensivo del senatore nel processo per mafia, terminato.

Lega, ecco Giulia Bongiorno. Bonino: “Non capisco la sua scelta

Sull’ingresso della Bongiorno nella Lega è ficcante il commento rilasciato da Emma Bonino su La7: “Giulia Bongiorno è stata un’ottima presidente della commissione Giustizia, quindi non capisco molto bene la sua scelta. E ancor meno che abbia detto di essere stata colpita dalla brillantezza intellettuale di Salvini. Comunque saranno i cittadini a decidere“.

Salvini replica a Maroni sulla Bongiorno

Non si è fatta attendere la risposta del leader Salvini alla provocazione di Maroni: “Sono orgoglioso della scelta per la Lega di Giulia Bongiorno, delle sue battaglie per la sicurezza, la legalità, la legittima difesa e la difesa dei diritti e della libertà delle donne, come per la legge sullo stalking che ha salvato tante vite. Io guardo al futuro, e nel futuro c’è che la Lega governerà questo paese“.

ultimo aggiornamento: 19-01-2018

X