La difesa sarà (quasi) sempre legittima: c’è l’accordo tra la Lega e il M5S

Legittima difesa, accordo trovato tra Lega e Movimento Cinque Stelle: stretta di mano sulla formula dello “stato di grave turbamento”.

Lega e Movimento Cinque Stelle avrebbero trovato l’accordo sul tema della legittima difesa. Dopo le frizioni – non ancora esaurite – sulla questione migranti e sulla realizzazione della Tav, gli alleati di governo compattano i ranghi su uno dei provvedimenti bandiera di Matteo Salvini. Il provvedimento dovrebbe tornare alla Camera per l’approvazione definitiva nei primi giorni di febbraio.

Salvini Conte Di Maio
Fonte foto: https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/

Difesa sempre legittima  in uno stato di grave turbamento: l’accordo tra la Lega e il Movimento Cinque Stelle

L’accordo tra la Lega e il Movimento Cinque Stelle sulla legittima difesa dovrebbe essere stato trovato sulla base dello “stato di grave turbamento“. Questa dovrebbe essere la formula che avrebbe sbloccato la fase di stallo su una vicenda che ha diviso l’opinione pubblica, a tratti il governo e non ultimo il mondo della magistratura.

Luigi Di Maio e Matteo Salvini
nella foto: Luigi Di Maio-Matteo Salvini

Stando all’accordo raggiunto tra le due forze al governo, la difesa sarà sempre legittima qualora ci si trovi in uno stato di grave turbamento. Nell’ultimo giorno utile per presentare le proposte di modifica – le 16.00 di venerdì 11 gennaio -, non sono state depositate proposte. Questo testimonia il fatto che, in seguito ai dibattiti e ai confronti, Lega e Movimento Cinque Stelle avrebbero trovato l’accordo decisivo per l’approvazione del provvedimento.

Legittima difesa alla Camera a inizio febbraio (salvo colpi di scena)

Dopo l’approvazione al Senato, il decreto tornerà alla Camera nei primi giorni di febbraio quando, salvo clamorosi colpi di scena, dovrebbe ottenere l’approvazione definitiva diventando legge.

ultimo aggiornamento: 12-01-2019

X