Arriva il Lego Colosseo. Oltre 9mila mattoncini per dare vita al simbolo di Roma. Il gioco costerà 500 euro e sarà disponibile dal 27 novembre.

ROMA – E’ in arrivo il Lego Colosseo. Come comunicato dall’azienda, a breve uscirà la scatola con i 9.036 mattoncini per creare il simbolo di Roma. Si tratta di un numero di pezzi più grande di sempre. Il precedente record apparteneva al Millenium Falcon di Star Wars.

L’entrata nei negozi del Lego Colosseo è attesa per il 27 novembre, con il costo che sarà di 500 euro. Nonostante il prezzo alto, è già partita la corsa per prenotare la propria scatola. E dalle ore successive all’acquisto si inizierà a costruire il Colosseo.

Lego Colosseo

Come riportato da Fanpage, la progettazione dei pezzi del Colosseo è stata molto lunga. La Lego, infatti, ha cercato di rendere il tutto più realistico possibile.

Al termine dei lavori, il Colosseo si presenterà nella versione attuale e non antica. All’interno della scatola ci saranno le ottanta arcate, i capitelli in stile dorico e corinzio, il piano nascosto dove è ricostruito l’ipogeo. E non ci sarà la pavimentazione e una parte di muro, proprio come si presenta oggi il simbolo di Roma.

Roma
Roma

La Lego celebra il Colosseo

Con questa scatola la Lego vuole celebrare il Colosseo. La caccia all’acquisto è già iniziata e molti dei collezionisti hanno prenotato la nuova creazione. Il prezzo è di 500 euro e l’arrivo sul mercato è previsto per il 27 novembre.

Si tratta di una prima volta assoluta per il simbolo di Roma. Sono oltre 9mila i pezzi a disposizione di tutti gli appassionati. Grande curiosità di vedere il Colosseo Lego. Un omaggio alla Capitale e ad uno dei monumenti più conosciuti in tutto il mondo. E l’acquisto potrebbe avvenire anche all’estero e non solo in Italia. I primi numeri saranno comunicati nelle prossime settimane.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
colosseo economia LEGO lego colosseo

ultimo aggiornamento: 15-11-2020


Autostrade, passo indietro di Cassa Depositi e Prestiti?

Bonomi: “E’ il momento della responsabilità”. La replica di Landini: “Prima il rinnovo dei contratti”