Il papà di Leonardo, il 21enne precipitato dal tetto dell’ospedale di Bologna cinque mesi fa, ha chiesto la riapertura del caso.

Leonardo Roberti è il 21enne morto precipitando dall’ospedale psichiatrico Maggiore di Bologna lo scorso 21 giugno. Durante i giorni scorsi papà Davide ha sporto denuncia in quanto Leonardo “non si è suicidato”. La richiesta della vittima è che vengano ascoltati i sanitari di turno durante la notte in cui è avvenuto il fatto. Il papà di Leonardo: “Non si è suicidato e lo proveremo”. 

Lo scorso 21 giugno Leonardo Roberti è morto dopo essere precipitato dal tetto dell’ospedale Maggiore di Bologna dove era ricoverato nel reparto di Otorinolaringoiatria. Il 21enne era stato trasferito soltanto la sera prima da Cona, per essere operato d’urgenza. 

Ospedale

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le supposizioni di Davide Roberti

Ad oggi sono trascorsi cinque mesi dal tragico avvenimento che ha distrutto la famiglia Roberti, e ancora il papà del 21enne non si dà pace. Durante un’intervista rilasciata al Resto del Carlino, Davide ha spiegato che suo figlio non si è suicidato. 

Sono queste le domande che si pone Davide Roberti alla luce della morte del figlio, peraltro giovanissimo. “Prima ci hanno detto che sarebbe rimasto 10 minuti sul tetto, ora emerge che invece vi restò mezz’ora. Trenta minuti. Sono tanti, una vita. Perché nessuno dei sanitari pensò di chiamarmi, di fargli sentire la mia voce?”. 

Nell’atto della Procura si legge: “Tra l’una e le due di notte del 21 giugno Leonardo riusciva a eludere la normale sorveglianza e a raggiungere l’ingresso del Maggiore, poi intercettato dal personale di portineria e portato in Pronto soccorso”.  

Dopo essere stato riaccompagnato nella stanza assegnatagli, Leonardo ha spiegato al medico che “aveva fatto un incubo”. Poi il medico ha aggiunto: “Ho telefonato allo psichiatra di turno per chiedergli una consulenza di quanto accaduto. Mi ha risposto un infermiere che mi ha riferito che lo psichiatra era impegnato in altre consulenze urgenti presso il Ps generale”. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 15-11-2022


Scappa in Italia dall’Ucraina, ma viene uccisa dal marito 

Caso Pifferi, emergono i risultati dell’autopsia sul corpo di Diana