L'eredità Agnelli: tra contese e misteri finanziari incredibili
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

L’eredità Agnelli: tra contese e misteri finanziari incredibili

John Elkann

I dettagli della disputa tra Margherita Agnelli e i gestori dell’impero di famiglia, tra accuse di frode fiscale e eredità nascoste.

Nel 2009, Margherita Agnelli sollevò il velo su una disputa ereditaria che avrebbe potuto apparire come un racconto di altri tempi. L’epicentro di questa contesa era la volontà di accedere ai conti “segreti” di famiglia, un desiderio che portò Franzo Grande Stevens, stretto collaboratore di suo padre, a proporle una dote apparentemente irrisoria: 15 Fiat Panda e 3 trattori. Di fronte al suo rifiuto di firmare le disposizioni testamentarie, venne apostrofata da Gianluigi Gabetti con parole che riecheggiano ancora oggi: “Lei non è degna d’esser la figlia di Suo padre“.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Lapo Elkann
Lapo Elkann

Un’eredità fra le ombre

La vicenda degli Agnelli si snoda attraverso intricati labirinti finanziari, con la presunta cassaforte torinese, la P. fiduciaria, al centro di un’indagine per frode fiscale che coinvolge figure di spicco come John Elkann. Questa entità avrebbe mascherato un patrimonio di 900 milioni di dollari, fungendo da collegamento con la banca lussemburghese “Pictet & Cie Europe Sa”.

La battaglia legale di Margherita Agnelli non era solo per una giusta parte dell’eredità, ma anche per far luce su fondi occultati in paradisi fiscali. La sua lotta ha portato alla scoperta di società anonime e ha sollevato interrogativi sui veri estensori del patrimonio di Gianni Agnelli. Con lei che puntava il dito verso Grande Stevens e Gabetti come principali gestori dei beni nascosti.

La verità nascosta dietro le cifre

Quello che emerge dalla disputa è un quadro di valutazioni irrisorie dei beni in Italia, contrapposte alla grandezza di patrimoni offshore. Tra barche, azioni e beni vari, la “ricchezza” ereditaria sembrava schernire il vero valore dell’impero Agnelli. Ironia della sorte, a Margherita fu lasciato un elenco di beni che includeva, oltre a veicoli di modesto valore, anche tre trattori, come a simboleggiare un’eredità lontana dalle aspettative.

Margherita Agnelli non solo cercava di rivendicare ciò che le spettava per legge ma anche di gettare luce su una gestione opaca del patrimonio di famiglia. La sua determinazione ha aperto una finestra su pratiche finanziarie che molti avrebbero preferito rimanessero nell’ombra. Mettendo in discussione la lealtà dei consiglieri più fidati di suo padre.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 25 Febbraio 2024 13:25

Terzo mandato, la dura critica di Vittorio Feltri: “Guinzaglio legislativo”

nl pixel