Enrico Letta sul reddito di cittadinanza: “Nessuna cancellazione dello strumento, ma un miglioramento come proposto da Draghi”.

TORINO – A margine di un suo intervento a Torino Enrico Letta ha risposto ad una domanda sul reddito di cittadinanza. “Credo che Draghi – la posizione del segretario del Pd riportato da La Repubblica – abbia detto cose giuste su questa misura. Ha aperto ad una discussione che consente di portare miglioramenti e di prendere il buono che c’è stato e migliorare tutti i limiti. Questo secondo noi è il metodo migliore: nessuna cancellazione ma, come propone Draghi, noi come il premier crediamo in un suo miglioramento“.

La posizione degli altri partiti

Sul reddito di cittadinanza posizioni completamente diverse nella maggioranza. Da una parte Pd, M5s e Leu che sostengono la misura e per questo motivo hanno aperto all’ipotesi di una modifica avanzata da parte del premier Draghi entro la fine dell’anno.

Il presidente del Consiglio, però, deve trovare un compromesso con l’altra parte di esecutivo che non sembra essere d’accordo con questa misura. Se Forza Italia sembra essere più aperta al dialogo, come dimostrato su altre decisioni, Lega e Italia Viva sembrano essere pronti a scendere in campo in prima persona per l’abolizione di questa misura. E non sarà semplice convincere i partiti ad accettare la modifica.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Enrico Letta
Enrico Letta

Alleanza Renzi-Salvini?

Sul reddito di cittadinanza non si esclude una possibile alleanza tra Matteo Renzi e Matteo Salvini. Il primo a muoversi dovrebbe essere la Lega con un emendamento, mentre Italia Viva pensa ad un referendum per abolire la misura. Ma non si esclude, visto che le posizioni sono molto simili, una iniziativa comune.

Toccherà al premier Draghi evitare un nuovo strappo in questa maggioranza e cercare di trovare un compromesso. I contatti potrebbero iniziare già nei prossimi giorni per arrivare ad un accordo.

governo Draghi

ultimo aggiornamento: 30-08-2021


Di Maio: “La minaccia terroristica in Afghanistan è concreta”

L’Ocse conferma: “Il Pil accelera nel secondo trimestre”