La figlia di Aldo Moro chiede al Papa lo stop al processo di beatificazione perché questo si sarebbe trasformato “in una guerra tra bande”.

ROMA – “Stop al processo di beatificazione di Aldo Moro“. E’ questa la richiesta avanzata dalla figlia dello statista ucciso il 9 maggio 1978. Nella missiva – riporta dall’Huffington Post – Maria Frida precisa come questo sia “diventato una guerra tra bande“.

Santità, la prego dal profondo del cuore – si legge nella lettera – di interrompere il processo di beatificazione di mio padre Aldo Moro sempre che non sia invece possibile riportarlo nei binari giuridici delle norme ecclesiastiche“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Aldo Moro
Aldo Moro (fonte foto https://www.facebook.com/CittadiTerracina)

Morte Aldo Moro, la lettera della figlia Maria Frida al Papa

Nella lettera, inviata da Maria Frida al Papa, viene precisato: “Nell’ambito dello stesso processo ci sono delle infiltrazioni anomale e ributtanti da parte di persone alle quali non interessa altro che il proprio tornaconto e per questo motivo intendono fare propria e gestire la beatificazione per ambizione di potere. Poi è spuntato un ulteriore postulatore non si sa a quale titolo“.

La figlia di Moro precisa come il tutto è diventato “una viscida guerra fatta falsamente in nome della verità“, precisando di non avere nessuna intenzione di far diventare il padre un Santo della Chiesa se il prezzo da pagare è questo.

Nessuna risposta, ancora, da parte della Santa Sede. Papa Francesco dal suo ritorno dal viaggio in Bulgaria e in Macedonia del Nord dovrà valutare con molta attenzione la vicenda ed effettuare degli approfondimenti che servono a chiarire meglio la vicenda. Dalla parte della famiglia Moro è stata espressa la loro intenzione di fermare il processo di beatificazioni se non ci dovessero essere dei cambiamenti. Toccherà al Vaticano e al Pontefice decidere se accettare questa richiesta oppure continuare con le pratiche della beatificazione di Aldo Moro.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/CittadiTerracina


Sparatoria a Napoli, il killer della camorra passa sul corpo della bambina ferita

Bufera sul Salone del Libro di Torino, presente casa editrice vicina a CasaPound