Prandelli è ritornato sulle sue dimissioni: “Il limite è stato oltrepassato. Credete alla verità”.

FIRENZE – Cesare Prandelli è ritornato sulle sue dimissioni ed ha risposto alle ricostruzioni fatte sui social. “Sono passati alcuni giorni da una mia decisione molto sofferta – si legge in una nuova lettera, riportata dal Corriere della Serae mi accorgo che probabilmente qualcuno non ha capito il vero senso del mio gesto“.

“Il limite è stato oltrepassato”

Duro il commento dell’ormai ex tecnico della Fiorentina alle ultime notizie uscite sui social. “A non capire è stata una minoranza – ha continuato Prandelli – ma non per questo meno importante. Persone che stanno riempiendo i canali social di nefandezze e di ricostruzioni inventate di fatti mai esistiti. Bisognerebbe stigmatizzare e non dare risalto alla pochezza di spirito dei cosiddetti odiatori da tastiera. Ma c’è un limite e questo è stato oltrepassato. Lo devo alla mia famiglia, alla Fiorentina, ma soprattutto ai miei giocatori. Loro non mi hanno mai, e dico mai, mancato di rispetto o avuto comportamenti offensivi nei miei confronti

Da parte del tecnico bresciano un chiaro invito anche ai tifosi: “Credete alla verità e non andate dietro a fenomeni senza moralità ed etica del vivere civile“.

Cesare Prandelli
Cesare Prandelli

Le ricostruzioni social

Le ricostruzioni social sono state diverse dopo le dimissioni. In molti hanno ipotizzato delle discussioni con i calciatori, altri dei problemi familiari. Tutte ipotesi mai realmente confermate dai diretti interessati, tanto che la Fiorentina ha deciso di querelare chi si è avventurato in ricostruzioni non reali.

L’ultima parola è toccata allo stesso tecnico. Una nuova lettera per smentire quanto detto sui social e ribadire che si è trattata di una scelta personale. Il calcio è cambiato e sicuramente molti tecnici non riescono a immedesimarsi più in questo sport. Un passo indietro che sicuramente ha toccato la Fiorentina e non solo.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 28-03-2021


Cristiano Ronaldo segna ma l’arbitro non se ne accorge: il Portogallo fa 2 a 2 contro la Serbia

Qualificazioni Mondiali 2022, ecco perché non c’è il Var