Il nuovo segretario di Stato, Anthony Blinken, ha telefonato a Luigi Di Maio. Il colloquio ha ribadito la stretta collaborazione Usa-Italia.

WASHINGTON – Anthony Blinken e Luigi Di Maio hanno avuto un primo contatto via telefono da quando il 58enne ha assunto la guida della diplomazia a stelle e strisce.

Italia-Usa, avanti con la cooperazione

Ricostruire e rafforzare la duratura partnership tra Stati Uniti e Italia“, questo l’auspicio espresso dal segretario di stato americano al ministro degli esteri di Roma. Così ha fatto sapere la Farnesina.

Dalla Libia alla Russia

Blinken e Di Maio, durante la conversazione, si sono soffermati sui principali dossier di comune interesse, dalla Libia al terrorismo, al caso Navalny e la Russia. Il segretario di Stato, in particolare, si è detto d’accordo nel continuare la cooperazione tra i due Paesi in Libia. Il responsabile della Farnesina, nell’augurare al suo omologo americano buon lavoro, ha ribadito la profonda amicizia tra Italia e Usa e, alla luce dell’attuale presidenza italiana del G20, la volontà di cooperare per dare nuovo impulso ad un multilateralismo efficace.

https://www.youtube.com/watch?v=fJ9mv-PVWtg

Tony Blinken, il nuovo segretario di Stato

Blinken è stato consigliere alla sicurezza nazionale di Biden quando era vicepresidente per poi essere nominato vice segretario di stato sotto Barack Obama. Quando Biden era senatore, è stato direttore dello suo staff alla commissione per gli affari esteri. Dopo l’amministrazione Obama, Blinken ha co-fondato la società di strategia politica WestExec Advisor insieme a un altro ex dell’era Obama, Michele Flournoy.
Nato nel 1962 a New York, si è laureato a Harvard ed è entrato in politica alla fine degli anni Ottanta in sostegno di Michael Dukakis per raccogliere fondi per la sua campagna elettorale. Blinken ha iniziato la sua carriera ala dipartimento di Stato dell’amministrazione di Bill Clinton.


Piano pandemico, ministro Speranza sentito dalla Procura di Bergamo

Crisi di governo, il retroscena della telefonata tra Conte e Renzi