Guerra civile in Libia tra le forze di Al Sarraj e le milizie di Haftar. L’Amsi denuncia la morte di cento persone, tra cui 28 bambini.

TRIPOLI – In Libia infuria la battaglia tra le forze del governo di Al Sarraj – riconosciuto dalla comunità internazionale – e quelle condotte dal generale Haftar.

Assedio alla capitale

L’obbiettivo delle milizie dell’uomo forte della Cirenaica è quello di creare una sacca all’interno di Tripoli. La capitale libica è sotto assedio. Nella notte i combattimenti sono proseguiti e le truppe di Haftar hanno sfondato le linee avversarie, avanzando a colpi di artiglieria, missili Grad e raid aerei. Due le zone conquistate per diverse ore: quella di Suani ben Adem, a 25 chilometri a sudovest di Tripoli, e quella di Aziziya, a una trentina di chilometri più a sud, lungo la direttrice che conduce a Zintan e Gharyan. Dopo ore di battaglia, lanci di razzi e vittime, le milizie di Tripoli hanno lanciato il contrattacco e respinto i nemici a Suani ben Adem.

Vittime e crisi umanitaria

Sul campo di battaglia si registrano decine di vittime tra i civili. Secondo l’Amsi (Associazione medici stranieri in Italia) sono più di 100 i morti dall’inizio del conflitto, e tra questi 28 sono bambini
Foad Aodi, presidente dell’associazione, ha detto che gli ospedali libici sono al collasso per mancanza di strumentazione e scorte di sangue, con il rischio concreto che possano scoppiare delle epidemie. “Le strutture – ha spiegato – sono al collasso e sono triplicate le richieste di operare in Italia i bimbi feriti. Da quanto mi stanno riferendo i colleghi medici dalla Libia si registrano numerose persone ferite che sono ancora nelle proprie case e la situazione è drammatica perché manca sangue e materiale chirurgico negli ospedali per effettuare gli interventi necessari. C’è il rischio di una crisi umanitaria ed epidemie se non vengono curati i feriti“.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Al Sarraj guerra vicile Haftar Libia Tripoli

ultimo aggiornamento: 14-04-2019


Il primo volo dello Stratolaunch, l’aereo più grande del mondo

Facebook, Instagram e WhatsApp down in tutto il mondo