Lina Ben Mhenni morta. La blogger tunisina si è spenta all’età di 36 anni dopo una lunga malattia autoimmune.

TUNISI (TUNISIA) – Lina Ben Mhenni è morta. La blogger tunisina si è spenta all’età di 36 anni per una malattia autoimmune che l’aveva costretta ad un trapianto dei reni.

La Tunisia ha perso uno dei suoi simboli visto che il suo blog è diventato famoso durante la rivoluzione dei gelsomini del 2011. Un anno cruciale per la sua carriera visti i diversi riconoscimenti avuti sia in ambito nazionale che internazionale.

Chi era Lina Ben Mhenni

Nata nel 1983 in Tunisia, Lina Ben Mhenni è stata uno dei simboli del Paese durante la rivoluzione dei gelsomini. La blogger nel 2011 si è recata a Sidi Bouzid, la città dove è partita la protesta, per raccontare cosa stava realmente succedendo al resto del mondo.

Un coraggio che l’ha portata ad essere candidata per il premio Nobel per la Pace oltre che a ricevere diversi riconoscimenti negli ultimi anni. Aveva anche aderito alla versione tunisina del #Metoo a difesa di tutte le donne tunisine molestate. Insomma, una vera e propria paladina della giustizia che si è spenta troppo giovane per una malattia autoimmune. E nelle prossime ore saranno molti i connazionali che andranno a salutare per l’ultima volta la blogger.

Lina Ben Mhenni
fonte foto https://twitter.com/eccapecca

Lina Ben Mhenni morta

La morte di Lina Ben Mhenni ha lasciato un vuoto importante in Tunisia. La giovane, infatti, era un vero simbolo per il Paese con i suoi libri che hanno raccontato la rivoluzione dei gelsomini.

In queste ore sono stati diversi i messaggi di cordoglio arrivati alla famiglia della giovane. La 36enne si è spenta per una malattia autoimmune che l’ha portata anche ad un trapianto di reni. I parenti della giornalista a breve dovrebbero comunicare la data per salutare l’ultima volta la giornalista.

fonte foto copertina https://twitter.com/eccapecca


Uccise il compagno con una coltellata al cuore, assolta per legittima difesa

Antisemitismo a Torino, scritta “crepa sporca ebrea” sulla casa della figlia di una partigiana