Lizzie Velasquez striglia i bulli da tastiera: “Siamo tutti esseri umani”

Da anni oggetto di scherno e “meme” ironici sui social, Lizzie Velasquez ha risposto per le rime ai suoi denigratori: “Attraverso lo schermo diffondete amore, non l’odio”

chiudi

Caricamento Player...

Rispondere agli insulti con un messaggio diretto e deciso, ma pacato nei toni. Si può! Soprattutto se ti chiami Lizzie Velasquez e sei costretta, da anni, a convivere con la cattiveria della gente. Perseguitata dai “bulli da tastiera”, che l’hanno vigliaccamente etichettata come la “ragazza più brutta del mondo”, la 27enne texana affetta da sindrome neonatale progeroide, una rarissima patologia che causa l’invecchiamento precoce, ha risposto per le rime sui social, sfoggiando tutta la sua umanità.

Parole che scuotono il web

Derisa e umiliata su Facebook dai numerosi “meme” (i famosi “tormentoni” del web, spesso formati da foto con scritte ironiche sovraimpresse) riguardanti il suo aspetto fisico, Lizzie, di fronte all’ennesima immagine-beffa (diventata subito virale) ha risposto per le rime, ma, come detto, con classe ed educazione: “Scrivo questo post non come vittima, ma come qualcuno che usa la propria voce. Le persone innocenti, che vengono fatte diventare soggetti a loro insaputa di questi meme, mentre scorrono i post di Facebook stanno provando sensazioni che non augurerei al mio peggior nemico. Non importa quale sia il tuo aspetto o il tuo peso, alla fine siamo tutti esseri umani. Vi chiedo di ricordarvelo bene, soprattutto la prossima volta che vedrete un meme virale con protagonista uno sconosciuto. Magari lo troverete divertente, ma l’essere umano nella foto probabilmente starà provando l’esatto contrario. Attraverso lo schermo diffondete amore, non parole d’odio“.

Lezione di stile

Più che un semplice messaggio, quello di Lizzie Velasquez è un vero e proprio cazzotto nello stomaco, ovviamente indirizzato ai soliti imbecilli del web, quelli che l’hanno più volte infangata sui social, definendola la “ragazza più brutta del mondo”. Insomma, una lezione di stile e cordialità, così efficace da meritare (questa sì) un meme intelligente e di buonsenso. Nel frattempo, il post di Lizzie è diventato virale. Alla faccia dei soliti bulli.