Israele, il 14 maggio 1948 la dichiarazione di nascita dello stato

14 marzo, lo Stato di Israele nasce nel 1948

Israele è stato proclamato il 14 maggio 1948, a seguito della risoluzione 181 delle Nazioni Unite.

Il 18 maggio 1948 è la storica e controversa data della nascita di Israele. A circa tre anni dal termine della Seconda Guerra Mondiale e dell’olocausto, gli ebrei potevano avere una patria.

La risoluzione delle Nazioni Unite

Nel 1947 l’Assemblea delle Nazioni Unite (all’epoca composta da 52 Paesi membri), dopo sei mesi di lavoro da parte dell’UNSCOP (United Nations Special Committee on Palestine), approvò la Risoluzione dell’Assemblea Generale n. 181 con 33 voti a favore, 13 contro e 10 astenuti, che prevedeva la creazione di uno Stato ebraico (sul 56,4% del territorio e con una popolazione di 500 000 ebrei e 400 000 arabi) e di uno Stato arabo (sul 42,8% del territorio e con una popolazione di 800 000 arabi e 10 000 ebrei). La città di Gerusalemme e i suoi dintorni (il rimanente 0,8% del territorio), con i luoghi santi alle tre religioni monoteiste, sarebbero dovuti diventare una zona separata sotto l’amministrazione dell’ONU. 

https://www.youtube.com/watch?v=rWwxgdGgjyU

La nascita di Israele

Tra il dicembre del 1947 e la prima metà di maggio dell’anno successivo vi furono cruente azioni di guerra civile da ambo le parti.
Il 14 maggio 1948 venne dichiarata unilateralmente la nascita dello Stato di Israele, un giorno prima che l’ONU stessa, come previsto, ne sancisse la creazione. Il 15 maggio, le truppe britanniche si ritirarono definitivamente dai territori del Mandato. Lo stato di Israele viene accettato dalle Nazioni Unite come 59° membro. Gerusalemme, divisa tra Israele e Giordania, è dichiarata capitale. 

La prima guerra arabo-israeliana

Lo stesso 15 maggio 1948 gli eserciti di Egitto, Siria, Libano, Iraq e Transgiordania, attaccarono l’appena nato Stato di Israele. L’offensiva venne bloccata dall’esercito israeliano, e le forze arabe vennero costrette ad arretrare. Israele conquistò centinaia di villaggi palestinesi, concausa dell’esodo degli abitanti. La guerra terminò con la sconfitta araba nel maggio del 1949, e produsse 711.000 profughi arabo-palestinesi.

ultimo aggiornamento: 14-05-2020

X