Londra, bimba cristiana affidata a famiglie musulmane: scoppia la protesta

La piccola di cinque anni è stata affidata a due diverse famiglie musulmane osservanti nonostante l’opposizione dei genitori.

Scandalo a Londra per la decisione dei servizi sociali di Tower Hamlets di affidare una bimba cristiana di cinque anni prima a una famiglia musulmana osservante, poi a un’altra, senza tener conto dell’opposizione dei genitori. Come riferito dal Corriere della Sera, non appena arrivata nella prima famiglia affidataria la piccola è stata costretta a togliere la collanina con il crocifisso. Quindi, le è stato proibito di mangiare il suo piatto preferito, la carbonara, in quanto contenente carne di maiale. Come raccontato dal Times un supervisore dei servizi sociali avrebbe rivelato che la bimba piange ed è provata dalla convivenza con le due famiglie musulmane cui è stata affidata. A far scalpore è la decisione dei servizi sociali, che non hanno contravvenuto alla legge che prevede di tener conto della religione, del background linguistico, culturale e della razza della famiglia affidataria.

Bimba cristiana affidata a famiglie musulmane osservanti

La madre della piccola avrebbe raccontato di essere sconcertata dalla situazione: “Mia figlia mi ha detto che Pasqua e Natale sono feste stupide e che le donne europee sono alcolizzate e idiote“. Testimonia quindi un amico di famiglia: “Questa è una bambina bianca, inglese, che ama il calcio ed è stata battezzata in chiesa. Ha già subito il trauma di essere separata dai genitori e ha bisogno di essere circondata da una cultura che conosce e ama. Invece è intrappolata in un mondo che non conosce e la spaventa“. I dirigenti del municipio però si difendono: “I nostri servizi sociali forniscono una casa e una famiglia amorevole a centinaia di bambini ogni anno e in ogni caso teniamo in alta considerazione la provenienza culturale e l’identià dei minori“.

ultimo aggiornamento: 28-08-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X