Long Covid, scoperta sul cervello: quanti punti di QI si perdono col virus
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Long Covid, scoperta sul cervello: quanti punti di QI si perdono col virus

Coronavirus

Gli effetti del Long Covid e la scoperta sui danni al cervello. Uno studio ha rivelato quanti punti di QI si perdono con il virus.

Non solo le ricerche sulla nebbia cerebrale post coronavirus. Un recente studio pubblicato sul New England Journal ha messo in evidenza alcune scoperte sui reali danni del Long Covid sul cervello dell’uomo. In modo particolare l’impatto, in termini quantitativi, che l’infezione produce sulle nostre attività cognitive. Anche in termini di punti di QI che si possono perdere.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Coronavirus

Long Covid, lo studio

I ricercatori hanno provato a rispondere ad una semplice domanda sul fatto se sia possibile misurare il danno che l’infezione Covid produce sulle nostre attività cognitive.

Per dare una risposta, gli studiosi dell’Imperial College di Londra hanno coinvolto 112.964 adulti i quali hanno completato una valutazione cognitiva online durante gli ultimi cinque mesi del 2022.

Di queste persone, 46.000 hanno affermato di non aver mai avuto l’infezione Covid, altre 46.000, invece, hanno dichiarato di essere rimaste colpite da coronavirus per una durata inferiore alle quattro settimane. Circa 3.200 pazienti, invece, hanno manifestato sintomi post-Covid che si sono protratti da quattro a 12 settimane dopo l’infezione, mentre per circa 3.900 i sintomi sono durati oltre le 12 settimane, e in alcuni casi anche un anno o più.

Va sottolinato che tra queste ultime persone, 2.580 presentavano ancora sintomi post-Covid al momento in cui hanno effettuato il test cognitivo.

I punti di QI bruciati dal virus

A seguito dei test cognitivi si è arrivati ad una importante scoperta: i pazienti con sintomi post-Covid persistenti avevano un QI equivalente a 6 punti inferiore rispetto a chi non era stato infettato.

Importante il dato sulle persone contagiate, ma che non presentavano più sintomi, che vede tali pazienti aver ottenuto punteggi leggermente inferiori rispetto a chi non era stato infettato: l’equivalente di 3 punti QI.

In generale, come riportato da Repubblica, la ricerca ha rilevato che il virus può “bruciare” 6 punti QI (quoziente d’intelligenza o quoziente intellettivo), e nei pazienti ricoverati in Terapia intensiva, anche 9.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 5 Marzo 2024 13:45

Il legame tra Berlusconi, la ‘Ndrangheta e la massoneria: ecco la verità

nl pixel