Quali sono i sintomi comuni del long Covid: nebbia mentale, problemi gastrointestinali, diabete e non solo.

Che l’inferno del coronavirus non finisca con un tampone negativo ormai è una cosa assodata, così come è assodato che molti pazienti hanno dovuto fare i conti o stanno facendo i conti con la sindrome del long Covid, con sintomi che persistono anche a mesi di distanza dalla guarigione. Se nei primi mesi della pandemia le informazioni a disposizione erano poche e limitate, ora è possibile tracciare una lista di sintomi comuni del long Covid, quelli segnalati da un considerevole numero di persone.

Long Covid i sintomi più comuni

Usa Business Insider ha stilato una lista con quelli che sono alcuni dei sintomi comuni del long Covid, segnalati da un considerevole numero di pazienti alle prese con la sindrome a distanza di mesi dalla guarigione.

Un discreto numero di soggetti ha riscontrato problemi nel sonno. Alcuni hanno dovuto fare i conti con l’annebbiamento mentale, uno dei primi sintomi individuati. Si tratta della difficoltà a rimanere concentrati o attenti per un lungo periodo di tempo.

In un minor numero di soggetti è stata riscontrata una stanchezza cronica. Un costante senso di affaticamento e spossatezza.

Alcuni soggetti fanno i conti con problemi respiratori. Si tratta di uno dei sintomi più comuni, legato all’azione del virus sui polmoni.

In diversi casi ci sono anche problemi cardiaci, con palpitazioni e un aumento dei rischi di contrarre un infarto.

Ci sono anche casi di soggetti che hanno avuto problemi legati al diabete pur senza averne mai sofferto prima della malattia.

Coronavirus
Coronavirus

I sintomi neurologici

Sono particolarmente diffusi i sintomi neurologici del long Covid. Oltre alla già citata nebbia mentale sono stati segnalati mal di testa, scarsa lucidità mentale, un dolore diffuso. Gli esperti parlano di sintomi simili a quelli di pazienti che hanno avuto una commozione cerebrale. Inoltre ci sono casi di soggetti che hanno manifestati problemi di ansia, depressioni e sbalzi di umore.

come nebbia mentale, mal di testa, formicolii, dolore diffuso, confusione. Secondo gli autori dello studio, molti dei sintomi riportati somigliano a quelli di una commozione cerebrale, o a quelli riferiti dai pazienti che soffrono gli effetti neurologici collaterali della chemioterapia.

I problemi gastrointestinali

Molti pazienti hanno registrato problemi gastrointestinali: i sintomi sono inappetenza, diarrea e costante senso di nausea.


Riaperture, il ministero della Salute: “Resta il limite delle 4 persone a tavola”. Ma c’è il caso della zona Bianca

Marijuana, Amazon a favore della legalizzazione: niente più controlli su positività prima di assunzione