La regista Lorenza Mazzetti è morta all’età di 92 anni. La donna era nota in tutto il mondo per i suoi libri autobiografici.

ROMA – E’ morta all’età di 92 anni la scrittrice e regista Lorenza Mazzetti. La notizia della scomparsa di una personalità più importante del XX secolo è stata data dall’Ansa. Una carriera importante per la donna che negli ultimi anni aveva limitato le uscite pubbliche per motivi di salute.

La famiglia ha preferito mantenere il massimo riserbo sui motivi del decesso e nelle prossime ore sarà comunicata la data del funerale. Molte persone andranno ad omaggiare la scrittrice e regista romana.

Chi era Lorenza Mazzetti

Nata il 26 luglio 1927 (Leone) a Roma, Lorenza Mazzetti non ha avuto un’infanzia semplice. Orfana di madre sin dalla nascita, la scrittrice e la regista era stata affidata ad una balia nel paesino di Anticoli Corrado fino ai tre anni.

In seguito è stata affidata alla zia sposata con Robert Einstein, il cugino di Albert. Dopo la maturità classica, Lorenza si è trasferita a Londra e da questo momento si è avvicinato al mondo del cinema. Tra il 1952 e il 1953 ha realizzato il suo primo film, rubando ad una scuola inglese. Il ritorno in Italia è avvenuto negli anni ’60 e da questo momento è iniziata anche la sua carriera di scrittrice.

Lorenza Mazzetti morta

La morte di Lorenza Mazzetti è avvenuta sabato 4 gennaio 2020. Una scomparsa che lascia un vuoto immenso sia nel mondo della letteratura che in quello del cinema vista la lunga carriera della donna romana. La famiglia ha preferito mantenere il massimo riserbo sulle cause che hanno portato al decesso.

Non è stata comunicata la data dei funerali con molti personaggi famosi che nelle prossime ore andranno ad omaggiare una delle figure più importanti in Italia per i suoi film e i libri.

fonte foto copertina https://twitter.com/IstAntonioni

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cinema cronaca letteratura Lorenza Mazzetti

ultimo aggiornamento: 04-01-2020


Lutto per Massimo Giletti, è morto il padre Emilio

Espulso un imam marocchino a Padova: aveva condiviso un video di propaganda jihadista