Importante scoperta nella lotta all’Alzheimer. La Fondazione Levi-Montalcini scopre una molecola in grado di rallentare la malattia.

ROMA – La lotta contro l’Alzheimer potrebbe aver segnato un punto importantissimo. Un gruppo di ricercatori della Fondazione Ebri “Rita Levi-Montalcini” ha scoperto una molecola che “ringiovanisce” il cervello bloccando l’Alzheimer nella prima fase.

L’anticorpo A13

Si tratta dell’anticorpo A13, che favorisce la nascita di nuovi neuroni contrastando così i difetti che accompagnano le fasi precoci della malattia. Una strategia, secondo gli scienziati, che apre nuove possibilità di diagnosi e cura. Lo studio, interamente italiano, è stato effettuato su topi che, trattati con la molecola, hanno ripreso a produrre cellule neuronali a un livello quasi normale.
A coordinare i ricercatori sono stati Antonino Cattaneo, Giovanni Meli e Raffaella Scardigli in collaborazione con il Cnr, la Scuola Normale Superiore di Pisa e il Dipartimento di Biologia dell’Università di Roma Tre. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Cell Death and Differentiation.

https://www.youtube.com/watch?v=ceQ0AgMd80U

Alzheimer, il morbo

La malattia di Alzheimer-Perusini, detta anche morbo di Alzheimer, è una demenza presenile, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer, è la forma più comune di demenza degenerativa progressivamente invalidante con esordio prevalentemente in età presenile (oltre i 65 anni). La malattia è dovuta a una diffusa distruzione di neuroni, principalmente attribuita alla beta-amiloide, una proteina che, depositandosi tra i neuroni, agisce come una sorta di collante, inglobando placche e grovigli “neurofibrillari”. La malattia è accompagnata da una forte diminuzione di acetilcolina nel cervello (si tratta di un neurotrasmettitore, ovvero di una molecola fondamentale per la comunicazione tra neuroni, e dunque per la memoria e ogni altra facoltà intellettiva).

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Terremoto a Benevento, scuole e uffici pubblici chiusi

Rieti, esplosione in un appartamento: un morto