Lucid Motors si quota in Borsa nonostante non abbia ancora prodotto una sola auto. L’ex ingegnere di Tesla lancia la sfida a Elon Musk.

Senza ancora aver venduto una sola auto, Lucid Motors si quota in Borsa e lancia la sfida a Tesla, il colosso di Elon Musk, che inizia a guardare con preoccupazione alla rapida ascesa di quello che potrebbe essere il principale competitor nel mondo della mobilità elettrica.

La grande scommessa di Lucid Motors che si quota in Borsa senza aver mai prodotto una sola auto (almeno per il momento)

La notizia più o meno sorprendente è che la Lucid Motors ha deciso di quotarsi in Borsa nonostante non abbia ancora venduto una sola automobile. O meglio, non solo non ha venduto una sola auto, addirittura non ne ha neanche prodotta una. Una sorta di azzardo studiato per provare a scalfire la posizione dominante di Tesla.

Lucid Motors, per arrivare in Borsa, ha chiuso un accordo di fusione con una Spac, la Churchill Capital Corp IV di Michael Klein. L’operazione spalanca alla Lucid Motors le porte di Wall Street.

Questa fusione ci fornisce le risorse per crescere e concentrarci sul potenziamento dell’industria elettrica. Abbiamo in programma di espanderci in nuovi mercati e fornire una tecnologia miracolosa. Crediamo sia un bene per Lucid, per i nostri clienti e naturalmente per il pianeta“, ha dichiarato il CEO di LM commentando la fusione.

Lucid Motors
Fonte foto: https://www.facebook.com/LucidMotors

La valutazione

Un altro aspetto interessante è la valutazione della società. Lucid Motors è stata valutata 24 miliardi di dollari a fronte di una stima di 15 miliardi fatta dai media statunitensi.

L’ex ingegnere Tesla lancia la sfida a Elon Musk

La scelta potrebbe premiare Lucid Motors, che nasce da un ex ingegnere Tesla, uno che conosce i segreti del successo del colosso di Elon Musk e che potrebbe superarlo, o almeno dargli filo da torcere indebolendo la sua posizione.


L’economia della Cina vola: boom delle esportazioni

Decreto Sostegno, 1 miliardo per il reddito di cittadinanza. Ristori calcolati sulle annualità