Terrificante: ritrovati resti umani dentro un armadio
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Terrificante: ritrovati resti umani dentro un armadio

scena del crimine con cadavere e occhiali

La sconvolgente storia di Luigi Dessì, il pensionato scomparso 7 anni fa con i resti umani ritrovati solo ora.

Dopo un’attesa lunga sette anni, il mistero che avvolge la scomparsa di Luigi Dessì, pensionato di 74 anni originario di Armungia, è stato finalmente svelato con il ritrovamento dei resti umani. La sua assenza, avvertita acutamente dalla comunità di San Vito da quel lontano 25 giugno, ha tenuto in ansia familiari e amici. Nonostante il massiccio impegno delle forze dell’ordine, supportate da elicotteri e droni, Dessì sembrava svanito nel nulla.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

scena del crimine con cadavere e occhiali
scena del crimine con cadavere e occhiali

Il ritrovamento di resti umani

La svolta giunge quattro anni fa quando, quasi per caso, durante una passeggiata nel Monte Narba alla ricerca di funghi, un escursionista incappa in alcuni resti umani. Questo ritrovamento, inizialmente avvolto nel mistero, viene affidato alle autorità per gli accertamenti del caso. Sorprendentemente, questi resti restano custoditi per ben quattro anni nell’armadio di un genetista. Fino a quando la magistratura non decide di affidare l’incarico al Ris per l’analisi.

Secondo quanto scritto da fanpage.it, le indagini confermano con certezza che i resti appartengono a Luigi Dessì. Questa scoperta non solo pone fine a un’angosciosa attesa ma apre anche un nuovo capitolo: la ricerca della verità sulla sua scomparsa e le cause del decesso. La comunità di Armungia si prepara ora a dare l’ultimo saluto a Dessì, con un funerale previsto nei prossimi giorni. Mentre le autorità lavorano per ricostruire gli ultimi momenti della vita dell’anziano.

La vita e la scomparsa di Luigi Dessì

Dessì, affetto da demenza senile, era noto per le sue abitudini tranquille e per il ciondolo che portava sempre al collo, contenente i dati per essere rintracciato. La sua scomparsa, avvenuta in una calda giornata estiva mentre indossava solo pantaloncini e canotta, ha sollevato numerose domande sulla sua sorte.

Il caso ha guadagnato attenzione nazionale grazie anche alla trasmissione “Chi l’ha visto?”, che si è fatta portavoce della famiglia di Dessì, disperata per la sua scomparsa. La solidarietà della comunità e l’impegno dei media hanno giocato un ruolo cruciale nel mantenere viva la speranza e nella ricerca della verità.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 3 Aprile 2024 13:19

Medico orco: violenza sessuale su dei pazienti

nl pixel