Luigi Di Maio ha parlato anche della questione sindaco di Pomezia: “Si è autoescluso dal Movimento”.

ROMA – Luigi Di Maio in un suo intervento ritorna a parlare del Partito Democratico: “Ricandidare la Boschi è una scelta del PD, ed è anche abbastanza autolesionista dal punto di vista elettore ma sono affari loro“. Il candidato premier ha anche un’idea chiara sul partito guidato da Matteo Renzi: “Credo – dichiara – che stia affondando come il Titanic e prima che affondi faccio un appello: parlateci, diteci tutto sullo scandalo banche. Qui non è coinvolta solo la Boschi, che è la punta dell’iceberg, ci sono anche Verdini, Berlusconi e Ghizzoni. Ci sono tante persone coinvolte in questo scandalo che farà crollare la Seconda Repubblica, ma prima di vederla affondare vogliamo sapere la verità“.

Luigi Di Maio sulla vicenda del sindaco di Pomezia: “Abbiamo delle regole e per noi si è autoescluso”

Luigi Di Maio parla anche della questione del sindaco di Pomezia, che si è candidato per la terza volta con una lista civica. “Noi – dichiara il leader del Movimento 5 Stelle – abbiamo due, tre regole ma tra queste c’è anche quella dei due mandati che non è in discussione. Fabio Fucci non è il linea con noi e quindi si è autoescluso dal movimento“.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
luigi di maio Maria Elena Boschi politica primo piano

ultimo aggiornamento: 17-12-2017


Banca Etruria, Pier Ferdinando Casini difende la Boschi: “Polemiche solo perché in campagna elettorale”

Verso le elezioni, Di Maio: “Euro? Voterei per uscire”. Renzi: “Follia per l’economia”