Venezuela, Luisa Ortega Diaz in fuga in Colombia con una barca

Il pm Luisa Ortega Diaz è fuggita in maniera rocambolesca dopo essere stata rimossa dal suo incarico. Il marito, ex deputato chavista, ha un mandato d’arresto da parte del regime di Maduro.

Luisa Ortega Diaz ha lasciato il Venezuela e ha raggiunto la Colombia, dove ha chiesto asilo alle autorità locali. L’ex procuratore generale di Caracas è partita dalla penisola di Paraguanà, sulla costa caraibica, e ha raggiunto in barca Aruba, da dove un jet privato l’ha trasferita a Bogotà. Assieme a lei, due suoi collaboratori e il marito, ex deputato chavista German Ferrer. Su di loro pende un mandato d’arresto spiccato dall’Assemblea Costituente, organo che ha destituito il Parlamento.

Le prove contro Maduro

Luisa Ortega Diaz è stata rimossa dal suo incarico lo scorso 6 agosto, dopo essersi opposta all’esautoramento del Parlamento di Caracas. La procuratrice, inoltre, aveva inviato un messaggio ai capi delle procure dell’America latina riuniti in Messico affermando di avere le prove della corruzione di Maduro per un caso in cui è coinvolta la multinazionale brasiliana Oldebrecht.

Le accuse del regime

Il successore di Luisa Ortega Diaz a capo della Procura, Tarek William Saab, ha dichiarato che il magistrato è “la responsabile intellettuale di ognuna delle vittime registrate dallo scorso primo aprile“, quando la Procuratrice ha denunciato una rottura dell’ordine costituzionale a Caracas. Saab ha quindi aggiunto che questo intervento dell’ex Procuratrice “mirava a fare scoppiare una guerra civile in questo Paese, che ci fosse un intervento straniero e un’occupazione militare“.

ultimo aggiornamento: 19-08-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X