L’ultimo saluto a Luca Russo. Presente anche la fidanzata Marta Scomazzon

Oggi a Bassano del Grappa c’è stato l’ultimo saluto a Luca Russo. Il vescovo: “Non dobbiamo avere paura”.

BASSANO DEL GRAPPA – C’è stato oggi a Bassano del Grappa l’ultimo saluto a Luca Russo, l’ingegnere 25enne che ha perso la vita sulla Rambla a Barcellona. La chiesa era gremita per il “figlio del Veneto” come l’ha chiamato Luca Zaia, il presidente del Veneto e una delle poche autorità presenti alla funzione. Era presente sulla sedia rotelle anche Marta Scomazzon, la sua ragazza scampata alla morte mentre passeggiava proprio con il suo Luca sulla Rambla.

Il vescovo: “Non bisogna avere paura. La cosa che risulta incomprensibile è che qualcuno uccida in nome di Dio”

Nella sua omelia il vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol ha ammesso: “Non dobbiamo abbandonarci alla paura e tanto meno rassegnarci, o peggio ancora, assuefarci a questi vili atti di terrorismo“. Il monsignore continua dicendo che “i terroristi compiono questi gesti perversi per seminare paura e la paura porta alla paralisi e quando questa arriva può succedere di tutto. Ciò che risulta per noi insopportabile è che qualcuno uccida in nome di Dio“. In chiusura il vescovo dice: “Proprio per questo motivo si capisce molto bene il significato del grido di migliaia persone in Plaza Cataluya e le parole rivolte da Gesù ai suoi discepoli di non avere paura“.

ultimo aggiornamento: 25-08-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X