L’attore, diventato famoso con ‘Glee’, era stato incriminato per possesso di materiale pedopornografico. Si parla di un suicidio.

NEW YORK (STATI UNITI) – Lutto nel mondo del cinema statunitense. Nella giornata odierna è stato trovato morto l’attore Mark Salling, 35 anni, noto per essere stato tra gli interpreti di ‘Glee‘. I media americani parlano di suicidio anche se ancora le cause della sua morte non sono note.

Da ‘Glee’ alle accuse di pedopornografia

Nei mesi scorsi Mark Salling era ritornato agli onori di cronaca perché si era dichiarato colpevole nel processo che lo vedeva accusato di possesso di materiale pedopornografico. Rischiava una condanna dai quattro ai sette anni e la sentenza definitiva era attesa proprio a marzo. L’attore americano era stato arrestato nel dicembre 2015. Secondo quanto riporta Tmz, si sarebbe impiccato e il corpo senza vita sarebbe stato trovato in un campo da baseball, vicino alla sua abitazione. La famiglia aveva perso le tracce da un po’ ed ha dato immediatamente l’allarme. Secondo fonti investigative Salling era morto da diverso tempo.

Ambulanza
Ambulanza

La maledizione di ‘Glee’

Mark Salling è l’ultimo in ordine cronologico degli attori che hanno recitato in ‘Glee‘. Nel 2013 Cory Monteith era stato trovato senza vita in una stanza d’albergo, stroncato da un’overdose di alcol e droga. L’anno dopo è toccato a Matt Bendick, fidanzato della star della serie Becca Tobin.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Altre Notizie Glee Mark Salling suicidio

ultimo aggiornamento: 30-01-2018


Allarme sulle sigarette elettroniche: rispetto a quelle tradizionali gli effetti collaterali…

Maturità 2018, l’elenco delle seconde prove