Lyle Waggoner è morto all’età di 84 anni. L’attore è conosciuto per aver recitato insieme a Lynda Carter nel telefilm ‘Wonder Woman’.

WESTLAKE (STATI UNITI) – Lutto nel mondo del cinema americano e internazionale. E’ morto all’età di 84 anni Lyle Waggoner, conosciuto da tutti per aver recitato insieme a Lynda Carter nel telefilm Wonder Woman. Il decesso è stato annunciato dal figlio Jason ai microfoni di The Hollywood Reporter.

La sua scomparsa, avvenuta martedì 17 marzo 2020, lascia un vuoto incolmabile nel mondo del cinema internazionale visto che è apparso in diversi film internazionali.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Chi era Lyle Waggoner

Una carriera dedicata al cinema per Lyle Waggoner. Diverse le apparizioni sul piccolo e grande schermo anche se la sua partecipazione a Wonder Woman lo ha reso famoso. Un grande successo al fianco di Lynda Carter nel ruolo del maggiore Steve Trevor, superiore di Diana Prince.

Dopo questa pellicola, l’attore ha preso parte ad altri film molto importanti come per esempio Charlie Angels, Happy Days e Mork & Mindy. Era stato proposto anche per recitare nel film Batman anche se la parte è stata soffiata da Adam West. Nel 1973 ha posato anche senza veli per il primo numero della rivista PlayGirl. Si è trattato di un tabù rotto visto che fino a quel momento mai nessuno aveva preso questa decisione.

Lyle Waggoner morto

La morte di Lyle Waggoner è avvenuta nella giornata di martedì 17 marzo 2020 all’età di 84 anni. La notizia del decesso è stata data dal figlio con molte persone che nelle prossime ore andranno a salutare per l’ultima volta l’attore.

Una scomparsa che lascia un vuoto incolmabile nel mondo del cinema americano e internazionale. Il nome di Waggoner resterà per sempre collegato a Wonder Woman, il suo grande successo. Anche se nella sua carriera è stato protagonista di altre pellicole conosciute in tutto il mondo.

fonte foto copertina https://twitter.com/SteveChung1968

ultimo aggiornamento: 18-03-2020


Addio a Silvestre Loconsolo, il partigiano fotografo

Si spostano ancora troppe persone, lo dicono… i cellulari. Nuova stretta dal Viminale